BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Processi breve: prescrizione in 2 anni. Parmalat, Cirio, Eternit oltre che Mills salteranno?

Dal caso Mills, al processo Parmalat, Antonveneta, Eternit ed altri: i grandi processi a rischio



Il via libera ai processi brevi, che prevedono durata massimo di sei anni e prescrizione dopo due anni, potrebbe far tornare attuali grandi processi che ormai sarebbero caduti in prescrizione: processi eccellenti che vedono imputati eccellenti.

Dal caso di Berlusconi con il disegno di legge che alla giÓ definita prescrizione di alcuni reati vorrebbe anche affiancare la prescrizione dei processi agli incensurati se la sentenza di primo grado non arriva entro i 2 anni dalla richiesta di rinvio a giudizio per reati con pene inferiori ai 10 anni nel massimo: appena dovesse entrare in vigore, infatti, sopprimerebbe immediatamente le imputazioni mosse a Berlusconi per frode fiscale nel processo sui diritti tv Mediaset e per corruzione di testimone nel processo Mills, dibattimenti entrambi giÓ ben oltre i 2 anni dalla richiesta di rinvio a giudizio, al crac Parmalat, alle inchieste Enipower-Enelpower.

A rischio sarebbero, dunque, tutti quei processi di grande portata come quelli reagitivi ai casi Parmalat, Cirio, Antonveneta, Enelpower, Thyssen, Eternit e lo scandalo rifiuti della Regione Campania, che, annoverando tra i reati quelli societari, come il falso in bilancio e il falso in prospetto, quelli tributari, la bancarotta preferenziale, la corruzione, le truffe aggravate, l'appropriazione indebita, diventati oggi difficilmente perseguibili con il provvedimento dello scudo fiscale, potrebbero decadere.

Il processo per i rifiuti in Campania, per esempio, che vede tra gli imputati il governatore Antonio Bassolino, rischia di essere fortemente ridimensionato. Alcuni reati come la truffa e la corruzione potrebbero cadere uno dopo l'altro. E ancora, la richiesta di giudizio per il crac Parmalat Ŕ avvenuto a luglio del 2007 e la prima udienza Ŕ stata fissata a marzo 2008, ben otto mesi dopo, per cui il processo Ŕ a rischio proscioglimento e andrÓ avanti solo per quei reati con pene superiori a dieci anni.

Ti Ŕ piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il