BusinessOnline - Il portale per i decision maker


Investire in obbligazioni, in azioni o in fondi?Europa,Usa,Emergenti,Italia?Consigli per scegliere

Le previsioni dei gestori sui futuri investimenti



C’è ottimismo nell mercato azionario, ma si continua, comunque, ad attendere conferme dall’economia e dal fronte degli utili aziendali. Per quanto riguarda i titoli di stato, i gestori prevedono che i tassi di interesse rimangano bassi per molto tempo.

La ripresa è ancora debole e l’inflazione non rappresenta un problema e ciò significa che la maggior parte dei fund manager si attende una stabilità dei prezzi nei prossimi sei mesi e guarda ad altri strumenti del mercato obbligazionario come le emissioni societarie (investment grade e high yield) e quelle emergenti.

Secondo le previsioni, per il 35% dei gestori il rapporto di cambio tra il biglietto verde e l’euro dovrebbe attestarsi intorno agli attuali livelli, contro il 30% che si attende un apprezzamento della divisa comunitaria e un’analoga percentuale che considera possibile la rivalutazione del dollaro. Non viene stimata, però, florea la condizione americana, nonostante il Pil del 3,5% nel terzo trimestre. In Europa, la fase di ribasso ha colpito proprio quei settori bancari, le aziende più indebitate e i ciclici che avevano fatto qualcosa in più in una prima ripresa a marzo.

Il settore delle materie prime, invece, ha continuato a beneficiare della domanda dei mercati in via di sviluppo. Il 50% dei gestori si attende, inoltre, un apprezzamento degli indici azionari e il 40% è convinto che non si discosteranno dagli attuali livelli.

E sono le Borse dell’Asia-Pacifico a rimanere le preferite dai gestori: il 65% degli intervistati si aspetta un apprezzamento perché la situazione economica dei Paesi asiatici è migliore di quella occidentale e il loro ruolo nel panorama internazionale è in crescita. Alcuni, però, mettono in guardia sulle valutazioni dei titoli.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il