BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Semplificazione dei rapporti tra amministrazione pubblica, imprese e cittadini: le novità del Dl

Via libera al ddl semplificazione dei rapporti tra amministrazione pubblica, imprese e cittadini. Novità



Via libera al nuovo ddl di semplificazione dei rapporti tra amministrazione pubblica, imprese e cittadini.

Il testo, di 35 articoli, prevede misure che vanno dalle semplificazioni nella tenuta dei libri sociali, alla carta d’identità ai ragazzi di 10 anni (il nuovo dl prevede che si possa effettuare il cambio di residenza senza la presenza fisica dell’interessato, rendendolo possibile per via telematica, grazie a modifiche al regolamento anagrafico), ai certificati medici, alle pagelle scolastiche comunicate on line e all’iscrizione universitaria online ( è infatti previsto che le università adottino procedure telematiche per effettuare on line l’iscrizione, i pagamenti, la gestione informatizzata degli esami), ai piccoli interventi edilizi senza titolo abitativo, a nuovi adempimenti amministrativi per le imprese, con esclusione di quelli contabili e fiscali, che abbiano efficacia dal primo marzo o dal primo settembre di ogni anno.

E ancora, le denunce per infortunio sul lavoro dovranno essere comunicate solo all’Inail, per quanto riguarda, invece, le assenze per malattie, la violazione per un tempo superiore a 3 mesi sarà valutata ai fini della corresponsione della retribuzione di risultato dei dirigenti e dei responsabili degli uffici competenti. Per la nascita di un’azienda artigiana basterà la comunicazione al registro delle imprese.

Sempre in ambito lavoro, il nuovo dl prevede una maggiore flessibilità per l’accesso al Fondo tramite un sistema più agile di erogazione delle risorse e attraverso la previsione di più generali forme di sostegno per i giovani, ampliando e rendendo maggiormente incisiva la politica di contrasto ai processi di precarizzazione e di sviluppo di nuove imprenditorialità giovanili.

Pronta, inoltre, una Carta dei doveri delle amministrazioni pubbliche (articoli 33 e 34) che arriverà entro 6 mesi e raccoglierà, in un unico provvedimento,i diritti dei cittadini e i doveri delle pubbliche amministrazioni nei loro confronti: dalla trasparenza, intesa come accessibilità totale attraverso la pubblicazione sui siti internet delle amministrazioni, delle informazioni relative all’organizzazione, all’utilizzo delle risorse per il perseguimento delle funzioni istituzionali; ai risultati conseguiti, all’eliminazione delle molestie amministrative(previste sanzioni per chi avanza richieste di pagamenti già adempiuti), all’accesso semplificato ai servizi.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il