BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Università, corsi e ripetizioni gratis online su Internet con Youtube: le materie e l'iniziativa

Si chiama Luw la nuova Libera Università del Web. Come funziona



L’università si trasferisce sul web: la novità è che YouTube mette a disposizione degli studenti universitari (e non) un nuovo servizio offrendo la possibilità di prepararsi agli esami come una sorta di lezione privata. L’idea nasce dal fatto che se molti giovani si servono di internet, ed in particolar modo dell'enciclopedia online Wikipedia, per approfondimenti o ricerche, un gruppo di utenti di YouTube ha deciso di fondare la Libera Università del Web (Luw).

Per il momento la Luw vanta 13 corsi attivi di sei Facoltà: Filosofia, Studi Sociali ed Economici, Scienze Teologiche, Scienze Matematiche, Lettere e Sicurologia, ma fondatori assicurano che presto vi sarà l'inserimento di nuovi corsi dedicati anche alle scuole medie inferiori e superiori e agli istituti tecnici.

Gli ‘iscritti’ della Luw hanno un’età compresa fra i 13 e i 65 anni, tutti accomunati dallo scopo comune di condividere le conoscenze (matematiche, letterarie, filosofiche, economiche, etc etc) gratuitamente. Per quanto riguarda la posizione dei docenti, inoltre, essi hanno una propria pagina personale, su cui è postato il loro curriculum vitae, all'interno della quale sono archiviati tutti i video divisi per corsi di studio.

Aleandro Volpi, toscano, uno dei promotori dell'iniziativa, ha spiegato: “L'idea è nata nel febbraio 2009 e ha trovato molti consensi. La nostra struttura sfrutta la piattaforma di YouTube dove si tengono in video tutti i corsi, all'interno di playlist sui canali dei docenti. I nostri insegnanti, attualmente, sono tutti youtubers ed è possibile leggere nelle loro pagine personali i loro curriculum professionali e di studio.

 Il nostro sito, invece, ha funzione organizzativa e dalla primavera ha visto un continuo incremento delle visite costringendoci a continui lavori di ampliamento”.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il