BusinessOnline - Il portale per i decision maker


Prestiti alle imprese e Pmi in forte calo secondo la stessa Abi

Calano i finanziamenti alle Pmi. Gli ultimi dati Abi



I finanziamenti alle imprese sono calati dello 0,2% sullo stesso periodo 2008: a comunicarlo è l’Abi che sottolinea come si tratti della la prima volta che accade dopo diversi mesi di crescita. Ma secondo l'associazione questo non dipende da una restrizione dei criteri per la concessione dei finanziamenti da parte degli istituti di credito.

La domanda è calata a causa della contrazione dei nuovi investimenti da parte delle imprese. Ad agosto gli impieghi erano aumentati dello 0,9% e la crescita a settembre 2008 era stata del 10,8%, mentre le prime stime sugli impieghi complessivi di ottobre hanno mostrato uno stallo, con una crescita solo dello 0,3% e in frenata sul +1,3% di settembre.

Per quanto le sofferenze lorde, queste sono risultate pari a quasi 55 miliardi di euro, 3,2 miliardi in più rispetto ad agosto 2009 e 11,1 miliardi in più rispetto a settembre 2008 (+25,4% la variazione annua). Il flusso netto di nuovi prestiti è stato di 4,2 mld rispetto a ottobre 2008.

Secondo le prime stime, i prestiti a famiglie e società non finanziarie sono risultati pari a 1.333 mld a ottobre 2009, segnando un tasso di crescita tendenziale dello 0,3% (+1,2% a settembre 2009, +5,5% a ottobre 2008; -0,3% nella media dell'area euro a settembre 2009), mentre il segmento a medio e lungo termine (oltre 1 anno) ha segnato a ottobre 2009 un ritmo di crescita tendenziale del 2% (+2,7% a settembre 2009, +4,6% a ottobre 2008), e quello a breve termine (fino a 1 anno) una flessione del 3,8% (-2,5% a settembre 2009, +7,6% a ottobre 2008).

I migliori Prestiti personali senza busta paga e finanziamenti DICEMBRE 2016. In questo articolo proponiamo i migliori finanziamenti senza bisogno di presentare la busta paga e senza garanzie, ma anche prestiti personali, finanziamenti per attività e liberi professionisti con bassi tassi d'interesse.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il