Dimentica tutti, anche le "persone care", tranne Berlusconi

Dimentica i volti delle persone care, ma ricorda perfettamente quello di Silvio Berlusconi: i media battono la famiglia.



Dimentica i volti delle persone care, ma ricorda perfettamente quello di Silvio Berlusconi: i media battono la famiglia. Lo strano caso, pubblicato dalla rivista scientifica ''Cortex'', riguarda una casalinga (V.Z.) di 66 anni con una lesione cerebrale. La donna, che non riconosce i familiari più stretti, non mostra invece difficoltà nel collegare il volto di Berlusconi a quello di ''un uomo molto ricco, che possiede stazioni televisive e ha successo in politica''.

Ad indagare sulla vicenda sono i neuropsicologi Sara Mondini e Carlo Semenza, rispettivamente dell'Università di Padova e di Trieste. Secondo i due esperti, la donna è affetta da un'atrofia bilaterale progressiva dei lobi temporali mesiali, tale da causare demenza semantica. Si tratta di una disfunzione che porta alla perdita del significato delle parole e della capacità di riconoscere i volti e gli oggetti. Nel caso di V.Z., però, qualcuno sembra essere sfuggito alla ''cancellazione''.

La donna, infatti, riconosce il volto di Silvio Berlusconi ed è capace di associare il nome alla sua immagine. Attraverso la ricerca sperimentale, Sara Mondini e Carlo Semenza sono arrivati alla conclusione che il viso dell'attuale Presidente del Consiglio viene riconosciuto dalla donna come un'icona, piuttosto che come una faccia.

Per i ricercatori si tratta di un caso senza precedenti, dovuto, con molta probabilità, agli effetti della diffusa propaganda politica di Berlusconi al tempo delle elezioni e alla continua esposizione da parte dei mass media. Resta ancora da definire se questa ''trasposizione'' da persona, seppure molto nota, ad icona sia dovuta ai caratteri distintivi dell'immagine o della voce. Il caso della ''casalinga che ricorda solo Berlusconi'' pare comunque destinato ad entrare nella storia della letteratura neuropsicologica.

Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
Fonte: pubblicato il