BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Dimentica tutti, anche le "persone care", tranne Berlusconi

Dimentica i volti delle persone care, ma ricorda perfettamente quello di Silvio Berlusconi: i media battono la famiglia.



Dimentica i volti delle persone care, ma ricorda perfettamente quello di Silvio Berlusconi: i media battono la famiglia. Lo strano caso, pubblicato dalla rivista scientifica ''Cortex'', riguarda una casalinga (V.Z.) di 66 anni con una lesione cerebrale. La donna, che non riconosce i familiari più stretti, non mostra invece difficoltà nel collegare il volto di Berlusconi a quello di ''un uomo molto ricco, che possiede stazioni televisive e ha successo in politica''.

Ad indagare sulla vicenda sono i neuropsicologi Sara Mondini e Carlo Semenza, rispettivamente dell'Università di Padova e di Trieste. Secondo i due esperti, la donna è affetta da un'atrofia bilaterale progressiva dei lobi temporali mesiali, tale da causare demenza semantica. Si tratta di una disfunzione che porta alla perdita del significato delle parole e della capacità di riconoscere i volti e gli oggetti. Nel caso di V.Z., però, qualcuno sembra essere sfuggito alla ''cancellazione''.

La donna, infatti, riconosce il volto di Silvio Berlusconi ed è capace di associare il nome alla sua immagine. Attraverso la ricerca sperimentale, Sara Mondini e Carlo Semenza sono arrivati alla conclusione che il viso dell'attuale Presidente del Consiglio viene riconosciuto dalla donna come un'icona, piuttosto che come una faccia.

Per i ricercatori si tratta di un caso senza precedenti, dovuto, con molta probabilità, agli effetti della diffusa propaganda politica di Berlusconi al tempo delle elezioni e alla continua esposizione da parte dei mass media. Resta ancora da definire se questa ''trasposizione'' da persona, seppure molto nota, ad icona sia dovuta ai caratteri distintivi dell'immagine o della voce. Il caso della ''casalinga che ricorda solo Berlusconi'' pare comunque destinato ad entrare nella storia della letteratura neuropsicologica.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Fonte: Jugo
pubblicato il