BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Chiusura stabilimenti Fiat in Italia: Marchionne parla chiaramente delle strategie

Le nuove strategie dell'ad Fiat Marchionne. I piani



‘Un piano industriale intelligente. Riusciremo ad aumentare la capacità produttiva in Italia’: questo l’obiettivo del nuovo piano Fiat che il prossimo primo dicembre sarà presentato dall’amministratore delegato di Fiat Group, Sergio Marchionne.

L’ad Fiat: “Non si può pensare di difendere tutto e di tenere tutti gli stabilimenti aperti. Non è fattibile, è fuori di ogni logica industriale. Abbiamo in Italia sei stabilimenti e produciamo l'equivalente di quello che si realizza in una sola fabbrica in Brasile. Questo è fuori da ogni logica industriale, riflette una realtà che non c'è più.

C'è l'impegno della Fiat a risolvere tutti i problemi legati al riallineamento della capacità produttiva. Confermo che sono disposto a lavorare con il governo e le parti sociali, ma cerchiamo di non illuderci. Capisco la posizione degli operai, sono disposto a lavorare con tutti, ma bisogna vedere qual è la situazione intelligente”.

Secondo Marchionne il mercato dell'auto a novembre è in linea con le aspettative quindi confermiamo le previsioni per il 2009. Nel frattempo, i sindacati chiedono all'ad e al governo ‘chiarezza, una volta per tutte, sul futuro degli stabilimenti italiani e dei posti di lavoro. In caso contrario, annunciano, la mobilitazione. Lo scontro nasce dopo le dichiarazioni sull’andamento degli stabilimenti italiani che suonano come un campanello d'allarme per il Meridione e in particolare per Termini Imerese.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il