Video hard Mussolini e Fiore: nuovo ricatto a politici. Situazione sempre peggio

Dopo il caso Marrazzo, nuovo video scandalo. Protagonista: Alessandra Mussolini. Sarà vero?



Quando la politica sconfina nel trash e si perdono di vista i veri obiettivi per un buon andamento del Paese. Verrebbe da rimpiangere i tempi in cui i politici facevano i politici e i cittadini i cittadini.

Ora sembra tutto confuso, distorto, scombinato. Mentre nel mondo si assiste a crolli finanziari che si ripercuotono sull’andamento economico del mondo intero, portando a tracolli di grandi colossi internazionali, mentre si continua a combattere una guerra che continua a mietere vittime e sconvolge e muove l’opinione pubblica mondiale, in Italia si continua a parlare di video scandalo che vedono come protagonisti i personaggi illustri della nostra storia contemporanea.

In principio fu Piero Marrazzo, ex governatore della Regione Lazio, in ritiro ora in un’abbazia di Cassino dopo aver intessuto per anni stretti rapporti con trans di Roma, dopo essere stato ricattato a causa degli stessi, dopo essere stato protagonista di uno scandalo che, purtroppo, conta anche delle vittime.

Ora si affaccia sulla scena anche Alessandra Mussolini. E’ di oggi, infatti, la notizia di un presunto ricatto sempre per un video hard che ritrarrebbe le effusioni della deputata del Pdl, Presidente della Commissione bicamerale per l'infanzia, con Roberto Fiore, leader della formazione di estrema destra Forza nuova. Secondo quanto riferito dal quotidiano Il Giornale, diretto da Vittorio Feltri, la Mussolini e Fiore sarebbero stati ripresi dalle telecamere di sicurezza interne mentre facevano sesso all'interno della sede di Forza Nuova.

Al Giornale un uomo avrebbe offerto telefonicamente il video ma la risposta del quotidiano di Feltri è stata ‘no grazie’. Ma il filmato sarebbe stato offerto anche a diversi giornalisti Rai oltre che persone appartenenti agli ambienti di An di Milano e Roma.

La Mussolini commenta: Non so se incazzarmi o ridere. Allora: vendono su Ebay i frammenti di cervello di mio nonno; tre giorni fa ho ricevuto una chiamata dalla polizia che mi informava del fatto che Gino Paoli mi ha denunciato, uscirà un film dove mi si dà della puttana e dell’assassina e ora leggo queste cose. Che cosa devo dire? Ormai facessero quello che vogliono”.

Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Marianna Quatraro Fonte: pubblicato il