BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Fondi pensione: quali sono i migliori con i maggior rendimenti? A sorpresa ci sono gli etici

Cresce l’interesse per gli investimenti etici. Cosa sta cambiando?



Cresce l’interesse per gli investimenti etici che si stanno guadagnando spazio anche nel settore della previdenza complementare. Piace il criterio etico di selezione e la minore esposizione al rischio che questo tipo di prodotto offre a chi si sta costruendo una fonte di reddito aggiuntiva per quando andrà in pensione. 

Secondo i dati elaborati sui fondi più grandi della categoria, gli etici italiani hanno retto bene alla prova della crisi. Il rendimento medio degli ultimi cinque anni si è attestato intorno all'8%, con picchi di crescita del 17 %. Nonostante l'andamento positivo, nel nostro Paese però è ancora basso il numero dei fondi pensione che oggi propongono delle linee di investimento etico.

Su un campione di 43 fondi aperti dotati di una consistenza patrimoniale a fine 2008 che superiore ai 20 milioni di euro sono soltanto cinque quelli che offrono almeno una linea di investimento attenta all'eticità. Tra i tanti disponibili solo Teseo di Reale Mutua Assicurazioni ha dedicato tutte le sue quattro linee di investimento (Garantito, Prudenziale, Bilanciata e Sviluppo) a questo tipo di investimento. La selezione per questo tipo di investimenti avviene sulla base di criteri che soddisfano requisiti di eticità e responsabilità sociale.

Per cui Teseo, per la scelta dei titoli in cui investire si basa, per esempio, sui criteri di selezione individuati da E. Capital Partners, un advisor etico indipendente che ha elaborato una propria metodologia di valutazione. Questa prevede la selezione delle società sulla base del superamento di uno screening negativo e positivo.

Il fondo tende quindi a evitare società attive nei settori delle armi, del tabacco, del gioco d'azzardo, del nucleare, della pornografia e dell'alcool, ma tende anche a evitare l'investimento in strumenti finanziari emessi da Stati in cui sia vigente la pena di morte come gli Stati Uniti. Per la selezione si fa riferimento anche ad altri criteri positivi, come ad esempio l'impegno in azioni a sostegno del riconoscimento dei diritti dell'uomo e dei lavoratori, della sicurezza, della salute e della tutela dell'ambiente.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il