BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Incentivi auto 2010: il rinnovo sembra vicino. Ma per quali auto e a quali condizioni?

Il governo promette nuovi eco-incentivi per il 2010



Il governo promette nuovi eco-incentivi per il 2010 e questa partita non si incrocerà con quella che si sta giocando per lo stabilimento di Termini Imerese. Il ministro per lo Sviluppo economico, Claudio Scajola, ha detto: “Per il 2010 stiamo lavorando a una ridefinizione degli incentivi per l'acquisto di vetture ecologiche, sempre all'insegna della protezione ambientale e dell'innovazione tecnologica”.

Il governo chiede alla Fiat di aumentare la produzione realizzata complessivamente in Italia, ma al tempo stesso ammette che per lo stabilimento siciliano si va verso una nuova stagione. Il ministro Scajola spiega: “Termini è uno stabilimento industriale oggi sottoutilizzato per la produzione di un modello di auto. Noi riteniamo che possa avere uno sviluppo automobilistico, ma non abbiamo questa competenza. Q

ualora comunque non ci fosse la possibilità di sviluppo della produzione auto dopo il 2011, ci deve essere lo sviluppo di una diversa realtà industriale”. Resta aperta nel frattempo la questione incentivi in merito alla quale l'a.d. di Fiat, Sergio Marchionne, ha detto: “Non abbiamo parlato e comunque è una questione sulla quale resto agnostico”, ma il ministero è pronto a rinnovare la campagna di aiuti all'acquisto di auto ecologiche pur se interverrà, come già annunciato, solo dopo l'incontro a Palazzo Chigi in programma il 21 o 22 dicembre per la presentazione del piano Fiat.

“Gli incentivi auto si sono dimostrati uno strumento ben calibrato, che ha fornito risultati persino superiori alle attese” ha concluso Scajola. Le ultime stime fotografano per il 2009 una probabile chiusura delle immatricolazioni delle auto in lieve calo rispetto al 2008, ma ricordo che il trend del mercato prima del nostro intervento segnava un -30%. L'accesso al nuovo bonus, comunque, seguirà vincoli più severi in termini di riduzione delle emissioni di Co2.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il