BusinessOnline - Il portale per i decision maker








No B-Day: prima manifestazione da Internet alle Piazze. Considerazioni apolitiche

Dai volantini pubblicitari ad Internet: il No B-Day parte dalla rete



Dai volantini pubblicitari distribuiti per strada ad Internet come luogo i pubblicità e aggregazione il percorso è stato lungo ma ha raggiunto grandi obiettivi. Fautore della trasformazione attuale è certamente Facebook, il più grande socil network esistente che conta 350 milioni di iscrtitti in tutto il mondo.

Dalle prenotazioni online allo shopping alle manifestazioni di massa: Internet ormai veicola tutto. L’ultima iniziativa promossa si trova in basso a sinistra nella pagina Facebook del No B-Day pagina che registra decine di migliaia di aderenti. Segue poi un elenco dei primi sottoscrittori dell'appello.

I nomi scritti non sono quelli degli organizzatori quanto quelli dei primi iscritti al gruppo che prenderà parte alla manifestazione politica. Ma non è l’unica cosa visibile: ci sono link a gruppi legati a questa discussione, la raccolta firme sull'appello di Saviano lanciato da Repubblica, la possibilità di raccogliere fondi, visionare file audio e video a supporto di idee ed altro.

La politica oggi passa, dunque, dal web. E questa non è altro che l’evoluzione naturale di una comunicazione che è cambiata, di una popolazione di giovani di età compresa tra i 17 e i 30 anni che si servono prima di tutto di Internet come mezzo di informazione. Segno che anche in essa in Italia sta cambiando. E, se proprio nel giorno nel No B-Day si parlerà di un’informazione distorta e controllata, allora il mezzo web è testimonianza di una libertà che ancora può essere utilizzata per la diffusione di idee.

Dalla rete ci si muove con entusiasmo e passione perchè ci si sente appoggiati e si continua, dunque, a fare politica seppur in diverse forme. Non è vero allora che la coscienza giovanile di oggi non segue una propria ideologia, semplicemente ha il potere di esprimerla in maniera diversa.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il