BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Tasso mutui più basso in Italia di sempre. E si aspetta la moratoria.

Record storico del tasso medio in Italia ad ottobre. La situazione



Ad ottobre, per la prima dal 1995 secondo il Supplemento al Bollettino statistico di Bakitalia il tasso medio sui mutui concessi per l'acquisto di una casa è sceso al di sotto del 3%, toccando la quota record del 2,97%.

Un record storico, dunque, per il tasso medio (che tiene conto dei mutui a tasso variabile e di quelli a tasso fisso), mentre si attende l'intesa tra l'Abi e le associazioni dei consumatori sulla moratoria delle rate per le famiglie in difficoltà.

Il documento statistico di Bankitalia evidenzia come i tassi medi siano calati ulteriormente rispetto al 3,06% di settembre, mentre un anno fa, nello stesso mese, il tasso medio registrato dalla banca centrale era quasi il doppio: 5,76%. Anche il taeg, tasso comprensivo delle spese amministrative, istruttorie e assicurative, scende al 3,10% dal 3,19% di settembre e un anno fa era al 5,89%.

Il calo dei tassi sui mutui è naturale risultato della brusca frenata del mercato immobiliare che risente maggiormente della crisi e delle difficoltà delle famiglie rispetto agli investimenti più impegnativi come quello della casa. E proprio a sostegno delle famiglie in difficoltà, si aspetta la moratoria sui mutui.

La sospensione delle rate per 12 mesi dovrebbe valere per chi ha perso il lavoro e in caso di morte, non autosufficienza, sospensione o riduzione dell'orario di lavoro per almeno 30 giorni; circostanze che devono essersi verificate tra l'1 gennaio 2009 al 31 dicembre 2009.

L'Abi ha dato la disponibilità anche ad estendere a 180 giorni (dai 90 inizialmente previsti) il limite massimo di ritardo nel pagamento oltre il quale la moratoria non potrà essere applicata.

. L'offerta di mutui sia a tasso fisso che variabile a Aprile 2016 si fa molto interessante. Grazie alla discesa mese su mese dei prezzi degli immobili nelle grandi città, ma soprattutto nei piccoli centri, e grazie ai tassi praticamente prossimi allo zero oggi accendere un mutuo è estremamente conveniente. In questa analisi abbiamo analizzato le migliori offerte proposte dai principali istituti.

Fisso o variabile? Questo è l'eterno dilemma... In breve in questa particolare fase storica chi ha la possibilità di aprire un mutuo da estinguere in 10 anni quasi sicuramente la scelta del tasso variabile può essere quella più azzeccata, infatti attualmente i tassi sono molto bassi e le prospettive per i prossimi anni non fanno intravedere una loro risalita e poi grazie alla portabilità è sempre possibile, qualora i tassi aumentino, ricontrattare il mutuo con la stessa banca o con un altro istituto al fine di ottenere una proposto di nuovo vantaggiosa.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il