BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Prezzi Skipass giornaliero e abbonamento 2009-2010 più alti. Spesa media e confronto località

Al via la stagione sciistica italiana: i prezzi nelle diverse regioni



Al via la stagione sciistica italiana: mentre freddo e gelo imperversano in tutta la Penisola creando malcontenti e disagi, ad esserne lieti sono i popoli della montagna, coloro che aspettano questa stagione per buttarsi in picchiata dalle piste innevate delle montagne.

Ma in quest’anno di crisi sono e quanto sono cambiati i prezzi dei divertimenti in montagna? Brutte notizie per gli sciatori: si prospettano rincari a più non posso. Stando alle ultime rilevazioni di Altroconsumo, quest’anno si assisterà ad aumenti nell’ordine del 3% sull’attrezzatura da montagna e sul costo degli accessi agli impianti.

Inoltre, per poter accedere alle piste si spenderebbero in media 35 euro per un giornaliero, 160 euro quello valido cinque giorni, ma per un giornaliero si arriverebbero a pagare, in alcuni casi, anche 40 euro, con un incremento di prezzo dell’8% rispetto allo scorso anno.

Per quanto riguarda le rilevazioni geografiche, invece, rispetto allo scorso anno, spiega Codici, ci sarà un aumento dei costi, fino ad un massimo del: 2,4% in Valle D’Aosta; 3,64% in Piemonte (con Sestriere 796 euro nel 2008; 825 nel 2009); 1,53% in Lombardia; 1,19% in Trentino (con 672 euro nel 2008, 680 nel 2009); 1,4% in Alto Adige (con Corvara 907 euro nel 2008, 920 euro nel 2009); 4,2 % in Veneto (con Cortina D’Ampezzo, 761 euro nel 2008, 793 euro nel 2009); 4,2% in Friuli Venezia Giulia (con Piancavallo 522 euro nel 2008, 544 euro nel 2009).

Nonostante il caro-prezzi però i vacanzieri saranno quest’anno 16.558.000, un milione e mezzo in più rispetto al 2008, con il Trentino-Alto Adige meta preferita.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il