BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Win For Life e vincite. Lo Stato ritorna ai giocatori solo il 36%. Le statistiche

Aumentano gli investimenti dei cittadini nei diversi giochi. Ma quanto si vince realmente?



Superenalotto, scommesse sportive, Gratta e Vinci, Lotto non conoscono crisi. Ad essi si è aggiunto il nuovo gioco Win for life, che promette di sistemare la vita con una rendita ventennale. Guadagnare senza lavorare. In tutto saranno53 miliardi di euro, secondo le stime di Agipronews, i ricavati che l'industria del gioco avrà raccolto entro la fine dell'anno.

Lo Stato si arricchisce, dunque, grazie alla passione per le vincite dei cittadini. Ma loro quanto vincono realmente? Con Superenalotto solo il 34,6% della raccolta torna ai giocatori in termine di vincite. Secondo Agicos (agenzia giornalistica concorsi e scommesse) su dati dei Monopoli di Stato, se 100 è la raccolta, il 65,4% va alla filiera del gioco, che si divide tra ricevitorie (in media l'8%), concessionario (tra il 2 e il 10% a seconda dei casi) e il governo, che incassa la fetta di torta più grande.

Salgono le possibilità di vincita con il Lotto e con il nuovissimo Win for life. Il 65% della raccolta del Vinci per la vita torna in tasca ai giocatori, ma l'importo comunque risulta più basso del dovuto e soprattutto diluito nel tempo. Meglio per il Gratta e Vinci: in questo caso si calcola una vittoria ogni quattro giocate circa, per cui il pay out può arrivare anche all'80%, stessa percentuale per gli skill games (i giochi a distanza) e il poker ondine.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il