BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Stipendi settore informatico e ICT: in leggero aumento, ma non per consulenti e contratti a progetto

Crescono gli stipendi nel settore informatico ma non per tutti. La situazione



La crisi sta passando, sostengono in molti, le retribuzioni sono in crescita, ma con profonde differenze a seconda della propria posizione in azienda. E’ questo l’andamento che sta registrando il mercato ICT secondo l'Osservatorio organizzato da Assintel.

Secondo i dati forniti dall’Osservatorio, le retribuzioni in media crescono quasi del +3% e cresce anche l'occupazione, che si attesta ad un +1,2%. Ma c’è da sottolineare un particolare non di poco conto: gli aumenti sono per lo più dovuti ai rinnovi programmati dei contratti nazionali, mentre il dato occupazionale non rileva le tante aziende cha hanno dovuto chiudere, il taglio alle consulenze e lo slittamento verso quelle forme di lavoro atipiche che raggiungono quota 14%.

Se, infatti, le retribuzioni 2009 nelle aziende IT crescono di quasi il 3% rispetto allo scorso anno, grazie principalmente ai rinnovi contrattuali, registrando valori migliori per chi adotta il CCNL del Terziario/Commercio: quasi 20.000 euro annui in più per i Dirigenti (90.840) rispetto al CCNL Metalmeccanico (70.607), discorso a parte merita la categoria dei collaboratori.

In questo periodo di crisi economica sono proprio i collaboratori a rappresentare la vera camera di compensazione per un taglio dei costi nelle aziende, ma alivello retributivo sono il fanalino di coda: con 23.932 euro crescono solo del +0,4%, persino al di sotto del tasso di inflazione. A livello di aree funzionali, i meglio retribuiti sono i Dirigenti delle HR (95.456 euro), i Quadri dell'area Commerciale ( 54.939 euro) e gli Impiegati della Ricerca & Sviluppo (31.244 euro) mentre si registra ancora un divario di genere.

Le donne sono il 31% del campione, ma solo il 2% accede ai ruoli dirigenziali, con livelli retributivi inferiori in media di quasi 20.000 euro annui (66.700 euro contro i 85.747 dei colleghi).

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il