BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Finanziamenti per Pmi: fondo italiano di investimento di 1 mld di euro fatto da Governo e banche

Un miliardo di euro a sostegno delle Pmi. L'accordo fra il ministro Tremonti e le banche



Il Ministro dell'Economia Giulio Tremonti e i principali istituti di credito italiani hanno deciso di stanziare un miliardo di euro a sostegno delle piccole e medie imprese, con lo scopo di rifinanziare il Fondo italiano di investimento per le Pmi. Il fondo è anche frutto dell'intesa con Cassa Depositi e Prestiti (Cdp), Intesa Sanpaolo, Unicredit e Monte dei Paschi di Siena, insieme a partner strategici quali ABI e Confindustria e si rivolge a circa 15mila imprese italiane che raggiungono un fatturato tra 10 e 100 milioni di euro.

Primo investimento previsto, nella seconda metà del 2010. L’idea è quella di costituire in tempi brevi una società di gestione del risparmio finalizzata al collocamento delle quote di un fondo comune di investimento mobiliare chiuso riservato a investitori qualificati. Il Fondo punta a raggiungere la quota di tre miliardi di euro.

Il primo step sarà di un miliardo e sarà sottoscritto dalle banche, mentre un altro miliardo potrà essere raccolto presso investitori istituzionali ed altri incrementi saranno valutatati in base alle reali esigenze.

L’attività del Fondo prevede l'ingresso diretto di minoranza nelle imprese (con fatturato superiore ai 20-30 milioni di euro), ingressi diretti di minoranza in coinvestimento con altri fondi, tramite strumenti come finanziamenti subordinati convertibili o convertendi e prestiti partecipativi, e infine l'investimento in fondi già esistenti che condividano nei loro regolamenti gli obiettivi del Fondo.

La durata complessiva del Fondo sarà di 14 anni, 5 per la fase di investimento, 5 per la fase di disinvestimento, più la possibilità di 2 anni di proroga per entrambe le fasi.

I migliori Prestiti personali senza busta paga e finanziamenti DICEMBRE 2016. In questo articolo proponiamo i migliori finanziamenti senza bisogno di presentare la busta paga e senza garanzie, ma anche prestiti personali, finanziamenti per attività e liberi professionisti con bassi tassi d'interesse.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il