BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Parlare al cellulare in metropolitana a Roma presto si potrà fare. Già avviato a Milano

Cellulare in metropolitana: a Milano si può. A Roma si potrà. Il progetto



Il cellulare in metropolitana: sembrava un’utopia perché la ricezione nei tunnel della metro era praticamente pari a zero, ma presto si potrà fare. I cittadini di Roma potranno, infatti, continuare a parlare al telefonino anche in metropolitana perché nel giro di tre anni, le linee A e B verranno coperte da una rete di telefonia mobile che garantirà la rete.

I lavori partiranno all'inizio del 2010 e saranno divisi in quattro fasi. La prima dovrebbe prendere il via all'inizio del 2010, una volta completati i sopralluoghi, già in corso, necessari per redigere un progetto esecutivo in base al quale richiedere i permessi e le autorizzazioni di carattere urbanistico e sanitario. Al termine della prima fase (febbraio 2011), la linea A, da Battistini ad Anagnina, sarà in massima parte coperta e quindi si potrà cominciare a usare il telefonino.

La seconda fase, da luglio 2010 a maggio 2011, vedrà la copertura dell'intera linea A, tranne Termini; la terza si occuperà invece della linea B (Rebibbia-Laurentina), che sarà interamente coperta entro l'aprile del 2012, a eccezione della stazione Colosseo, mentre l'ultima fase sarà dedicata alle stazioni Termini e Colosseo.

La copertura della metropolitana dovrebbe riguardare anche la futura linea C. Roma segue Milano, dove nei prossimi giorni verrà annunciata la copertura totale.

Oltre alla linea rossa, infatti, si potrà parlare e inviare messaggi anche in 8 stazioni della linea M2: Udine, Lambrate, Piola, Loreto, Caiazzo, Centrale, Gioia, Garibaldi ed entro la fine dell’anno il servizio sarà esteso sulla verde coprendo la tratta Moscova - Abbiategrasso con altre 9 fermate: Moscova, Lanza, Cadorna, Sant’Ambrogio, Sant’Agostino, Porta Genova, Romolo, Famagosta e Abbiategrasso. In seguito si lavorerà alla linea 3, la gialla, e allo stesso tempo il segnale sarà portato nelle altre stazioni della M1.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il