BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Rimborsi per treni in ritardo o cancellati: diritti dei passeggeri e come fare richiesta

Ritardi e cancellazioni per maltempo: come ottenere rimborsi da Trenitalia



I ritardi e le cancellazioni dei treni in questi giorni di maltempo hanno creato grandi problemi ai collegamenti fra le diverse città di Italia, nonché forti disagi ai viaggiatori. Molti treni hanno subito fino a 5 ore di ritardo, altri invece sono stati addirittura soppressi e al Nord Est le Ferrovie dello Stato sono andate letteralmente in tilt per il gelo delle ultime ore.

Decine di treni sono stati soppressi sulla linea Venezia-Trieste, altri hanno subito forti ritardi e i passeggeri sono stati costretti ad aspettare ore al freddo in stazione.  L’Italia è tagliata a metà, tutti in ritardo i treni provenienti dal Sud in direzione Nord. Come fare allora ad ottenere rimborsi nel caso di ritardi o cancellazioni?

Se nel caso di ritardi o cancellazioni aeree si può usufruire di tutele stabilite da norme europee, nel caso del traffico ferroviario queste tutele non esistono. Trenitalia, infatti, non rimborsa i biglietti  né concede bonus se il treno fa ritardo a causa del maltempo. Se il convoglio, invece, non parte e si rinuncia al viaggio il rimborso è previsto.

I passeggeri hanno obbligo di soccorso e di assistenza nel caso il treno si fermi all'improvviso nel mezzo di una landa desolata a causa di un guasto o di condizioni del tempo avverse. Se tale soccorso non viene prestato, i viaggiatori avranno la possibilità di richiedere un risarcimento danni nei confronti delle Ferrovie. L'azione legale, dal primo gennaio 2010, è proponibile anche sotto forma class action, cioè di azione collettiva.

L'associazione dei consumatori Adoc, però, ha ufficialmente chiesto a Trenitalia il rimborso ‘straordinario’ dei biglietti per i passeggeri che hanno subito ritardi di almeno trenta minuti, alla partenza o all’arrivo, una misura prevista in altri paesi europei colpiti dall’ondata di gelo, come ad esempio in Spagna dalla Renfe, l'impresa pubblica che gestisce il trasporto ferroviario.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il