Italia.it, il nuovo portale del turismo: costo complessivo dell'operazione 45 milioni di euro!

Sarà online nei prossimi giorni e avrà ben 80.000 pagine di proposte turistiche, idee per gite ed escursioni, segnalazione di manifestazioni, approfondimenti...



 

Per un paese come il nostro che ha nel turismo una voce importante nel PIL e che dà l’opportunità di lavoro a milioni di persone, era opportuno creare un sito nazionale in grado di gestire ed incrementare la presenza di visitatori stranieri nelle nostre città e nei luoghi d’ interesse.
A differenza di quasi tutti gli stati del mondo, che hanno capito l’importanza d’internet per lo sviluppo del turismo, l’Italia era l’unico paese industrializzato a non averlo.

A fine ottobre, finalmente debutterà in rete www.italia.it, il nuovo portale nazionale del turismo, con le sue oltre 80 mila pagine il sito pubblicizzerà le nostre attrazioni turistiche, artistiche, paesaggistiche, gastronomiche e culturali. In modo omogeneo ed organizzato il marchio Italia sarà presentato in tutto il mondo. Ancora in fase di rodaggio in portale sarà possibile consultarlo in 8 lingue: per ora italiano, inglese, francese e tedesco. Per la fine dell’anno ci saranno anche le versioni in russo, spagnolo, giapponese e cinese.

L’ idea è nata dalla constatazione della forte diminuzione di prenotazioni con le agenzie di viaggi; i viaggiatori preferiscono l’organizzare dei viaggi fai da te, tramite siti turistici on line.
Il progetto sviluppato dal Ministero per l’innovazioni e tecnologie, è approvato e finanziato dal comitato dei Ministri per la società dell’informazione.

Costo complessivo dell’operazione: 45 milioni d’euro. È un lavoro frutto della sinergia tra regioni e governo. L’ Italia sconfina e spera in un ritorno d’immagine e dei visitatori. Per ritornare quella che era un tempo: la meta più ambita dagli stranieri.   

Ti è piaciuto questo articolo?





Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
Fonte: pubblicato il