BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Class Action contro Banca Intesa e Unicredit e al test fai da te per l'influenza sono le prime.

Prime class action contro i due colossi bancari e contro la casa produttrice del test fai da te contro l'influenza A



Prima Class Action contro i due colossi bancari Banca Intesa e Unicredit e sarà il Codacons a presentare la prima l'azione collettiva a tutela dei propri diritti per danni o inadempienze, che riguarda il settore bancario. Firmatario della prima class action è il presidente del Codacons, Carlo Rienzi, che spiega che l'azione intrapresa poggia sulle rilevazioni dell'Antitrust secondo le quali “le banche avrebbero compensato l'eliminazione della commissione di massimo scoperto introducendo nuove e più costose commissioni a carico degli utenti, anche 15 volte più care rispetto al massimo scoperto”.

Per il Codacons si tratta di un comportamento illegittimo che produce un danno economico ingente ai consumatori, come dimostrato anche dall'Autorità della concorrenza e del mercato. Di qui la class action notificata al Tribunale di Torino (per Intesa SanPaolo) e a quello di Roma (per Unicredit) contro le due maggiori banche italiane.

Si tratta della prima azione collettiva in Italia sulla base del Codice del consumo e Rienzi spera serva a ‘scoraggiare’ i colossi economici a commettere scorrettezze gravi contro i consumatori “anche se la mancanza di forti sanzioni come avviene negli Usa rende questo strumento poco incisivo ed efficace”.

Dopo la causa aperta contro le banche Unicredit e Intesa per i rincari successivi all'abolizione del minimo scoperto, l'associazione dei consumatori ha annunciato anche la citazione in giudizio per la Voden Medical Instrument spa, ideatrice e distributrice del test fai da te per l'influenza H1N1, davanti al tribunale di Milano, per il test contro l’influenza A.

Secondo il Codacons, infatti, il test, venduto a 14,50 euro, non convince a causa della scarsa sensibilità rispetto agli esami di tipo molecolare.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il