BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Previsioni informatica e Internet nel 2010 economiche: ripresa lenta più su hardware che software

Ripresa lenta ma decisamente volta all'ottimismo nel settore It. Le previsioni



Un inizio di anno decisamente ottimistico seppur di una lenta ripresa. Secondo le previsioni, infatti, la spesa in soluzioni It dovrebbe tornare a crescere l'anno prossimo del 4%. Goldman Sachs spiega che questa ripresa lenta sarà caratterizzata da precise tendenze, a partire dalla necessità, per molte grandi aziende, di rinnovare i propri pc con Windows 7.

Inoltre, le spese per le soluzioni software per i server e le applicazioni fruibili come servizio (SaaS, software as a service) dovrebbero tornare ai livelli pre crisi economica. Dal sondaggio condotto tra 100 executive IT appartenenti alle aziende della classifica Fortune 1000 si nota come il 94% dei manager interpellati sia intenzionato a passare al nuovo sistema operativo di Microsoft entro i prossimi tre anni e di questi circa un terzo lo farà già nel 2010.

Altra tendenza, confermata, è la maggiore propensione dei manager a investire in prodotti della casa di Redmond. Si tratta del 24%. Nel 2010 sarà, però, Apple uno dei produttori di computer a conquistare una fetta consistente dei soldi spesi dalle aziende in informatica. L'indagine ha, infine, rilevato come oltre la metà degli executive rinnoverà oltre ai pc anche il parco server e quello degli apparati di storage.

Ma la maggior parte della spesa destinata all'informatica nel 2010 si indirizzerà verso l'hardware. Gli investimenti in hardware e software tornano quindi a crescere dopo un 2009 di grande crisi. Ma John Gantz, Chief research officer della società di ricerca Idc, mette in guardia aziende utenti e vendor It: “Questo è il periodo migliore e peggiore al tempo stesso, non abbiamo mai attraversato una fase simile perché siamo alle soglie di un rinascimento tecnologico proprio dopo aver attraversato la crisi economica più pesante dalla fine della seconda guerra mondiale”.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il