BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Stipendi 2009-2010 in Italia e confronto con l'Europa: inferiori del 32%

Gli stipendi degli italiani tra i più bassi d'Europa. La classifica



Le buste paga degli italiani, che nel 2008, hanno denunciato un reddito medio di 19.100 euro, sono tra le più basse in Europa e tra i Paesi industrializzati. Colpa anche dei salari lordi troppo bassi e dei contributi sociali molto alti che gravano sui lavoratori e sulle imprese. Risultato: i salari lordi italiani sono più bassi del 32,3% rispetto alla media dell’Europa a quindici.

Secondo le ultime classifiche dell’Ocse, gli italiani sono al ventitreesimo posto nella classifica dei trenta Paesi più industrializzati che aderiscono all’organizzazione. E se si considera lo stipendio al lordo delle ritenute fiscali e dei contributi, gli italiani in classifica guadagnano solo un posto.

A parità di potere d’acquisto, lo stipendio di un lavoratore italiano single senza figli è pari a 30.245 dollari e nella graduatoria Ocse siamo davanti solo alla Repubblica Ceca, l’Ungheria, il Messico, la Nuova Zelanda, la Polonia, il Portogallo, la Slovacchia e la Turchia.

Nella classifica che, invece, considera il salario netto, pari per un italiano a 21.374 dollari, la Nuova Zelanda fa meglio di noi. La nostra distanza dalla testa della classifica, che vede al primo posto per il salario netto la Corea (39.931 dollari), seguita da Regno Unito (38.147) e dalla Svizzera (36.063), è davvero notevole. Ma grandi distanze ci separano anche da Germania (29.570 dollari) e Francia (poco più di 26 mila).

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il