BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Fisco e lavoro 2010: le novità, leggi, norme e agevolazioni

Le novità lavoro e fisco della nuova Finanziaria



Casa, fisco, lavoro, mutui, pensioni: il 2010 si apre con una serie di novità che andranno ad incidere notevolmente sulla vita degli italiani. Dal piano casa alla sperimentazione della cedolare secca sugli affitti in Abruzzo fino alle zone franche, alla nascita della banca del Mezzogiorno, alla class action, ai voucher lavoro per gli studenti universitari.

Al via, inoltre, alle nuove norme sulla territorialità dell'Iva sui servizi: si paga dove i servizi vengono svolti. La nuova regolamentazione, fissata da Bruxelles, entra in vigore contemporaneamente in tutta Europa. Sul versante fisco, raddoppiano i termini di accertamento. Il Fisco avrà non più 4 ma 8 anni per stanare gli evasori che hanno portato i beni oltre confine.

Previsto, anche, il raddoppio dei termini di decadenza e prescrizione per le violazioni riferite alla mancata indicazione nella dichiarazione annuale dei redditi di investimenti all'estero e attività estere di natura finanziaria. Sulla questione Irpef, i sostituti d'imposta potranno recuperare nei primi pagamenti utili la quota eccedente versata all'Erario dell'acconto Irpef 2009.

L'alleggerimento del 20% dell'acconto Irpef pagato nel 2009 nel 2010 prevede il pagamento del saldo più salato perchè bisognerà versare quanto non pagato lo scorso novembre. La nuova Finanziaria riduce di 20 punti percentuale l'acconto Irpef 2009. Previsto il riconoscimento, ai contribuenti che non hanno applicato la riduzione dell'acconto, di un credito d'imposta da utilizzare in compensazione di importo pari all'eccedenza versata e l'obbligo, a carico dei sostituti d'imposta, di trattenere dagli emolumenti del mese di novembre, un acconto Irpef ridotto.

Mentre è previsto l’obbligo, a carico dei sostituti d'imposta che hanno trattenuto al lavoratore e versato all'erario un acconto determinato in base alla normativa previgente (senza tenere conto della riduzione), di restituire ai lavoratori, l'eccedenza trattenuta.

Sarà incrementata di 200 milioni di euro annui per il 2010 e 2011 l'autorizzazione di spesa per il credito d'imposta per i costi sostenuti per attività di ricerca industriale e di sviluppo precompetitivo. Sul versante lavoro, con l'entrata in vigore della riforma Brunetta nel 2010 si rinnoveranno i contratti di lavoro del pubblico impiego che avranno, per la prima volta, durata triennale.

La Finanziaria per il 2010 stanzia 350 milioni, nel 2010, 571 milioni nel 2011 e 892 milioni nel 2012, per la sola indennità di vacanza contrattuale. Per quanto riguarda la retribuzione dell'apprendista è previsto che la contrattazione collettiva possa stabilire la retribuzione in misura percentuale della retribuzione spettante ai lavoratori addetti con mansioni corrispondenti, nonché graduale in relazione all'anzianità di servizio.

Fondi per 100 milioni per il 2010, di cui il 20% per l'apprendistato per l'espletamento del diritto-dovere di istruzione e formazione e per l'apprendistato per l'acquisizione di un diploma o per percorsi di alta formazione, per le attività di formazione nell'esercizio dell'apprendistato anche se svolte oltre il compimento del diciottesimo anno di età.

Sarà, invece, estesa la riduzione contributiva per i lavoratori in mobilità (pari a quella per gli apprendisti), in via sperimentale per il 2010, ai datori di lavoro che assumono i lavoratori beneficiari dell'indennità di disoccupazione con requisiti normali che abbiano almeno 50 anni. La durata della riduzione contributiva è prolungata, per chi assume lavoratori in mobilità o beneficiari dell'indennità suddetta, con almeno 35 anni di età contributiva, fino alla data di maturazione del diritto al pensionamento e comunque non oltre il 31 dicembre 2010.

La nuova Finanziaria contiene anche misure sperimentali volte all'inserimento o reinserimento di determinate categorie di lavoratori svantaggiati. Previsto un incentivo a favore delle agenzie per il lavoro per ogni lavoratore intermediato che venga assunto.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il