BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Contratti di innovazione per i ricercatori nuovi posti di lavoro.

Al via i contratti d'innovazione tecnologica. Cosa prevedono



Al via i contratti d'innovazione tecnologica: la novità è stata annunciata dal ministero dello Sviluppo Economico. Come funzionano questi nuovi contratti? Il ministro Claudio Scajola, dando via libera a questa nuova forma di contrattazione, ha spiegato che attivando investimenti per circa 2 miliardi di euro, favorirà la ricerca applicata e stimolerà nuove opportunità di lavoro per oltre 30 mila ricercatori.

Il ministro ha ricordato che i progetti finanziati potranno avere una durata massima di 3 anni e saranno progetti innovativi, di importo superiore a 10 milioni di euro, che si realizzeranno attraverso le partnership tra pubblico e privato grazie ad un processo di negoziazione.

Le risorse disponibili per il finanziamento di questo nuovo strumento, capaci di permettere alle imprese un volume d'investimenti pari a circa 2 miliardi di euro, offriranno possibilità di lavoro oltre 30 mila ricercatori.

Infine, il ministro Scajola ha detto: “Siamo convinti che questo nuovo strumento aggiunga un altro elemento importante al quadro della rinnovata alleanza strategica tra imprese, sistema bancario e Stato per il rafforzamento della competitività del Paese”.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il