BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Tassa su Internet:la Francia pensa ad un tributo da pagare per Google,Microsoft,Yahoo e Facebook

La Francia tassa la pubblicità online. La novità del web



Mentre è ancora attuale la questione delle news a pagamento online, la Francia pensa a una tassa da applicare ai ricavi pubblicitari online di colossi come Google, utilizzando i fondi per supportare l'industria dei contenuti creativi, come film e musica.

Secondo i quotidiani francesi il tributo, che verrebbe applicato anche a Microsoft, AOL, Yahoo o Facebook, dovrebbe porre un freno all'arricchimento senza limiti o compensazioni. Gli autori propongono, inoltre, di tassare gli internet provider per raccogliere decine di milioni di euro da utilizzare per rivitalizzare il business della musica online e altri contenuti creativi.

Il ministro della Cultura, Frederic Mitterand, aveva esposto a inizio settembre 2009 a Patrick Zelnik (Pdg di Naive), Jacques Toubon (già ministro della Cultura) e Guillaume Eerutti (Pdg di Sotheby’s France), la sua intenzione di cercare di trovare i mezzi per migliorare l’offerta culturale sul Web e il modo di pagare i suoi creatori.

Per finanziare questo suo progetto in tre anni ci sarebbe bisogno di circa 50 milioni di euro nel 2010 e poi 35 e 40 milioni l’anno per il 2011 e il 2012, per questo la missione propone la creazione di una tassa sui ricavi da pubblicità online. Secondo Liberation, che ha messo le mani sul report ancora sul tavolo del ministero della cultura, il governo sosterrebbe la crescita dei contenuti a pagamento con una politica di sussidi e l'espansione di piattaforme di pubblicazione online.

Il presidente francese, Nicolas Sarkozy, dal canto suo si è diverse volte già schierato come difensore del patrimonio culturale francese nell'era digitale, dopo aver anche invocato progetti pubblici che possano competere con il maxi-progetto di libreria online universale di Google.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il