BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Riforma fiscale 2010: 2 aliquote per le tasse. Le novità e i cambiamenti di Tremonti

“Il 2010 sarà l’anno delle riforme”: così il ministro Tremonti. Le due nuove aliquote



“Il 2010 sarà l’anno delle riforme”. Ne è convinto il ministro dell’Economia, Giulio Tremonti, consapevole anche del fatto che qualsiasi cambiamento in materia di fisco ed economia dovrà essere attuato in maniera graduale e ben pensata. Il programma è sì a una Grande riforma del fisco su base triennale, ma no ai micro-tagli d'imposta varati per decreto.

Tremonti spiega: "La riforma fiscale è una partita di enorme rilievo politico, sociale, filosofico, culturale. Questa volta non si può bluffare: il governo la deve giocare con serietà e responsabilità”. Ma Guglielmo Epifani, leader della Cgil, boccia il piano del governo sul fisco. "E' una mossa furba, propagandistica fatta apposta per rimandare decisioni che dovrebbero essere prese subito.

Si propone un progetto globale, che chiede tempi lunghi e approfondimenti, e si tralasciano interventi, come le detrazioni, che potrebbero invece dare sollievo immediato alle famiglie impoverite dalla crisi. Anche le due aliquote di cui si parla sono sbagliate perché la prima, quella al 23%, è troppo alta e dovrebbe scendere al 20. E la seconda, quella del 33, è troppo bassa.

Così facendo si promettono grandi risparmi ai redditi medio alti, ma si concede poco a chi ha entrate ridotte”. Sulla proposta delle due aliquote frena anche il sindaco di Roma Gianni Alemanno: “Chiediamo al presidente Berlusconi di fare una riflessione sulla riforma fiscale per anteporre alla riduzione delle aliquote il quoziente familiare che deve diventare il primo obiettivo della riforma fiscale”.

Mentre è condivisa dal ministro dell'Interno Roberto Maroni e da ‘realizzare entro la fine della legislatura’, come auspica il ministro della Pubblica amministrazione Renato Brunetta.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il