BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Bot a 3 mesi 2010: rendimenti vicini allo zero. Quali alternative di investimento?

Bot a 3 mesi sotto lo zero: dati e consigli di investimento



Il rendimento netto dei Bot a tre mesi è sceso sotto lo zero, il rendimento lordo, che ha toccato il nuovo minimo storico di 0,37%, un tasso che, secondo i calcoli fatti da Assiom, nell'ipotesi di applicazione delle commissioni massime, porta il rendimento netto sotto zero, pari a -0,08% una volta applicate anche le ritenute fiscali.

È tornato a scendere anche il rendimento dei BoT annuali: i titoli scadenza 14 gennaio 2011 hanno registrato un rendimento dello 0,795% (-0,221) parecchio sotto la soglia dell'1% e vicino al minimo di 0,741% registrato a settembre. In questo caso, tra commissioni e ritenute fiscali, il rendimento netto scende allo 0,397%.

Ricordiamo che, in base alla normativa emessa dal Tesoro nell'ottobre scorso, è stato stabilito un tetto alle commissioni applicate alla clientela. Nel decreto si ricorda come il fine sia quello "di tutelare i risparmiatori nell'attuale contesto di mercato, caratterizzato da tassi di interesse particolarmente contenuti soprattutto per i titoli a breve scadenza".

Modificando così la normativa del 2004 si stabilisce che "nel caso in cui il prezzo totale di vendita, comprensivo dell'importo della ritenuta fiscale (pari al 12,5%) e della commissione, risulti superiore a 100, l'importo massimo di tale commissione è ridotto in modo da garantire alla clientela un onere comunque non superiore a 100 euro, per ogni 100 euro di capitale sottoscritto".

Nonostante i rendimenti così vicini allo zero, la domanda degli investitori non diminuisce, segno di una fiducia ottimistica nei titoli di stato italiani: per i trimestrali è stato richiesto un importo di oltre 9,16 miliardi di euro a fronte di 3,5 miliardi offerti e assegnati, mentre per i titoli a 12 mesi la richiesta è stata pari a oltre 12 miliardi rispetto ai 7,5 miliardi offerti e assegnati. Gli ulteriori investimenti consigliati sono per le obbligazioni, andate bene nel 2009 appena trascorso, e che secondo gli analisti gli analisti dovrebbero continuare su questo trend positivo. 

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il