BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Mercedes Classe E Cabriolet: novità e motori al Salone di Detroit 2010

Le nvoità della nuova Classe E Cabrio al Detroit 2010



La tedesca Mercedes ha presentato al Salone di Detroit 2010 la nuovissima Classe E Cabrio che tha incantato il pubblico con le sue forme eleganti e come sempre raffinate. La nuova versione scoperta della E sarà solo la prima delle 7 novità che Mercedes presenterà durante questo 2010.

La nuova Mercedes cabrio è stata sviluppata e realizzata sulla base della Classe E Coupé, riprendendone gran parte delle linee ed esaltandole con il fascino che solo le convertibili sanno emanare. Dotata di tetto con capote in tessuto, la nuova Classe E Cabrio promette un confort acustico e ambientale assoluto.

Secondo la casa tedesca, infatti, anche ad abitacolo scoperto abitabilità e comfort sono di altissimo livello. Una volta all’interno della vettura, ciò che spicca è la qualità Mercedes che immancabilmente si nota nei piccoli dettagli che rendono unica questa vettura, a partire dall’AirScarf, un flusso d’aria calda che protegge dal freddo il collo dei passeggeri rendendo ancora più piacevole viaggiare en plein air, per arrivare all’AirCap, un deflettore al margine del parabrezza che crea un flusso d’aria che isola l’abitacolo dai fruscii esterni a capote aperta.

La nuova Classe E Cabriolet sarà disponibile in quattro motorizzazioni a benzina (200 CGI da 184 CV, 250 CGI da 204 CV, 350 CGI da 292 CV e 500 CGI da 388 CV) e due Diesel (220 CDI da 170 CV e 250 CDI da 204 CV), tutte BlueEfficiency di serie ovvero, con accorgimenti e tecnologie capaci di ridurre consumi ed emissioni di CO2.

Alle minori emissioni contribuisce anche il coefficiente aerodinamico ridotto: solo 0,28, un record per la categoria. Ricca la dotazione di sicurezza con in primo piano i nuovi headbag a protezione della testa e il doppio roll-bar. Il prezzo non è stato ancora definito ma indicativamente partirà da poco più di 50.000 euro e le vendite partiranno da marzo.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il