BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Detrazioni Irpef 2009-2010: gli sconti fiscali possibili. Consigli

Detrazioni e deduzioni della nuova riforma fiscale



Sono circa un'ottantina le voci messe a disposizione delle persone fisiche per ridursi il prelievo Irpef, considerate tra riduzioni di reddito (deduzioni) e sconti di imposta (detrazioni).

La riforma del 2003 proposta da Giulio Tremonti (già all'epoca ministro delle Finanze) nel prevedere il passaggio a sole due aliquote del 23 e 33% puntava su una radicale rimodulazione delle detrazioni in funzione delle deduzioni.

Oggi, le detrazioni per carichi di famiglia non riescono ad agire a pieno regime nei nuclei con redditi più bassi, mentre i contribuenti Irpef, dal punto di vista della quantità, possono contare su una variegata gamma di riduzioni: per le riduzioni d'imposta, figurano gran numero di spese, suddivise in oneri che danno riduzioni d'Irpef al 19, al 20, al 36 e al 55%, ognuna con le sue regole.

Detrazioni per l'attività fisica dei ragazzi da 5 a 18 anni (nel limite massimo di 210 euro), per gli abbonamenti al trasporto pubblico locale (non superiori a 250 euro, anche per familiari a carico), per spese veterinarie e mediche. A questi si associano anche oneri deducibili, che sarebbero i costi che riducono il reddito da tassare e che valgono, per esempio, per icontributi per colf e badanti.

Ciò che l’economia italiana gestisce con difficoltà è l’uso di detrazioni e deduzioni. Mentre, poi, capitolo aaparte è riservato alle spese sanitarie da distinguere tra quelle chirurgiche, specialistiche o per prestazioni di medicina generale, ai codici fiscali e scontirni da mostrare e poi ancora per le diverse detrazioni che riguardano mobili, frigoriferi (al 20%) e le riduzioni Irpef per ristrutturazioni (36%) e risparmio energetico (55%).

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il