BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Incentivi auto 2010: la prima bozza. Data di partenza, auto interessate e sconti possibili

Le prime indiscrezioni sui nuovi incentivi 2010



Non saranno contenuti nel decreto Milleproroghe ma i nuovi incentivi 2010 arriveranno, forse contenuti in un nuovo provvedimento. Attesi in maniera ansiosa dagli automobilisti, si vocifera che diminuiranno gli incentivi per le auto a benzina e diesel, ma cresceranno per quelle alimentate a metano. Rivisti al ribasso i livelli di emissioni di CO2 emessa per accedere agli incentivi.

Le ultime indicazioni parlano di un progetto del valore complessivo di 300-400 milioni di euro e si può ipotizzare che il contributo sarebbe di 1500 euro con rottamazione per l’acquisto di auto a benzina con emissioni inferiori a 115 g/km; di 1000 euro con rottamazione per l’acquisto di auto diesel con emissioni inferiori a 130 g/km; di 3500-4000 euro senza rottamazione per l’acquisto di auto con alimentazione a metano con emissioni inferiori a 115 g/km o di 1500 euro per auto con emissioni inferiori a 140 g/km.

Al momento non sarebbero state ancora decise le modalità e gli importi per le auto alimentate a Gpl, ma appare quasi scontato che ci saranno degli incentivi anche per questo tipo di alimentazione. Il contributo dello scorso anno è stato pari a 1.500 euro per chi ha rottamato macchine euro 0, euro 1 o euro 2 e ha acquistato autovetture di classe euro 4 o euro 5, con emissioni non superiori a 140 grammi di anidride carbonica per chilometro, se alimentate a benzina, o a 130 grammi se alimentare a gasolio.

Il contributo saliva poi a  2.500 euro per chi sostituisse mezzi più grandi (fino a 3.500 chilogrammi di peso), come autocarri, tir o caravan di vecchia generazione, con veicoli dalle stesse caratteristiche ma euro 4 o euro 5.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il