BusinessOnline - Il portale per i decision maker


Conti correnti 2010: offerte delle banche a confronto. I migliori?

Come scegliere il conto corrente più adatto alle proprie esigenze. I consigli



Aprire un conto corrente è davvero difficile se si considera lo scenario delle tante offerte disponibili. Ciò che è necessario fare è, però, capire e individuare quello che risponde perfettamente alle proprie esigenze.

Il sito www.pattichiari.it nasce per sostenere proprio una scelta giusta per ogni cliente e si propone, attraverso il cosiddetto profilo predefinito o personalizzato, che considera non solo dell’età del soggetto ma anche di una serie di altri importanti fattori quali, ad esempio, la giacenza media e il numero di operazioni annue.

Fondamentale nella scelta dei diversi conti è l’attenzione alle commissioni e spese, i costi per le operazioni come prelievi Bancomat, bonifici, prelievi allo sportello e richiesta lista movimenti allo sportello. Dal punto di vista sia delle spese sia dei tassi di interesse nella maggior parte dei casi risultano più convenienti i conti correnti online che eliminando le filiali e riducendo il personale sono in grado di offrire al cliente condizioni più vantaggiose, a patto che il cliente sia disposto ad operare esclusivamente via telematica.

Per chi rivolge particolare attenzione al tasso di interesse, bisogna poi considerare anche il cosiddetto conto di deposito offerto dalle principali banche online, una specie di salvadanaioper i propri risparmi ad un tasso che in genere si aggira intorno al 2,5%. La scelta di un conto corrente deve, dunque, avvenire considerando tre parametri: la giacenza media che si prevede di avere sul conto, il numero di operazioni che si prevede di effettuare in un anno e i servizi di cui si ha bisogno.

Fra i migliori conti, considerando una diversificazione di situazione di famiglie, è stata stilata una lista che, per le famiglie con esigenze base, vede primeggiare Banca padovana credito coop con Conto Libero, seguita dal Banco Popolare con Conto Doppiozero, e dalla Banca popolare friuladria con Conto Senza Spese Più. Quarto il Gruppo Unicredit con Genius Ricaricabile.

Per le famiglie con esigenze medie, invece, i tre conti consigliati sono Conto Credem Senza Spese del Credito emiliano, Genius Ricaricabile di Unicredit e Conto Doppiozero del Banco Popolare. Per le famiglie più ‘alte’, invece, in prima posizione c’è Conto Credem Senza Spese del Credito emiliano, seguito da Conto Doppiozero di Cassa Risp. Lucca, Pisa, Livorno e, infine, Genius Ricaricabile di Unicredit.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il