BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Un Pc per ogni persona, meglio se netbook: intervista a Gianfranco Lanci di Acer

Netbook meglio dei notebook. I perchè spiegati dal presidente Lanci di Acer



Gianfranco Lanci, presidente Acer, approfondisce la questione sull'andamento futuro del mercato delle nuove tecnologie e ci aiuta a comprendere i motivi che hanno reso Acer, sotto la sua presidenza, leader indiscusso nel mercato dei PC. Il mondo dei Pc si allarga a comprendere nuovi prodotti e, se prima questi erano riservati ad una ristretta cerchia di persone, adesso ognuno ha il proprio Pc e in ogni famiglia ogni componente ne ha uno suo.

I Pc tradizionali sono stati sostituiti prima dai noteboook ed oggi stiamo assistendo all’avvento dei netbook. Mentre i notebook sono prodotti indirizzati a chi cerca la trasportabilità delle informazioni, unita alla loro elaborazione e alla connettività, i netbook sono sistemi compatti e leggeri caratterizzati da prezzo molto basso e con un’interfaccia molto semplice, da usare per la consultazione delle informazioni.

“Il netbook, per definizione del manager di Acer, è l’oggetto più semplice possibile per connettersi a Internet; proprio per semplicità deve quindi avere un’ interfaccia ultra semplificata come quella a finestre bloccate basata su Linux che è implementata nell’Aspire One. Non deve essere, dunque, necessario conoscere un sistema operativo per connettersi a Internet.

L’utente deve avviare il netbook nel minor tempo possibile, senza aspettare tempi di caricamento del sistema e deve essere immediatamente connesso al web”. Questo modo di lavorare dei netbook “apre la strada a un mercato molto più ampio di quello dei notebook com’erano concepiti finora, dato che al mondo ci sono 15 milioni di utenti che usano Internet, a fronte di 200 milioni di computer venduti. Il driver per il diffondersi dei netbook saranno probabilmente il 3G integrato e le chiavette di connessione a Internet vendute dai fornitori di telefonia in blundle con i netbook o singolarmente”.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il