BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Microsoft e Time Warner trattano per alleanza tra Aol e Msn

Il famoso giornale Wall Street Journal afferma oggi che sono riprese le trattative tra Microsoft ed AOL, il più importante Internet provider americano



E' tempo di alleanze sul Web e i nomi dei più aggueriti conconcorrenti sono sempre gli stessi: Google e Microsoft.

Sembra che le due società a suon di partership stiano cercando di dividersi il web per poi eventualmente scontrarsi cercando di erodere quote nei rispettivi settori di attività.

Se, infatti, è solo di qualche giorno fa l'alleanza annunciata ufficialmente tra il padrino di Java, SUN, e Google, il famoso giornale Wall Street Journal afferma oggi che sono riprese le trattative tra Microsoft ed AOL, il più  importante Internet provider americano di proprietà di Time Warner, colosso dell'informazione e dell'intrattenimento Usa.

Le prime voci su un possiile accordo tra questi due colossi erano iniziate a settembre e poi si erano man mano raffredate.

Il primo obbiettivo dell'accordo tra Microsoft e Time Warner, sarebbe quello di integrare varie risorse ( ricordiamo che Aol è proprietario tra l'altro di Netscape ), tra cui sopratutto contenuti editoriali forniti da Aol all'interno dei servizi e del motore di ricerca MSN di Microsoft.

Ma nell'affare potrebbe rientrare prepotentemente in gioco Google che già intrattiene importantissimi accordi pubblicitari con Aol.

Infatti, non è assolutamente da dimenticare ( anzi ! ) che l'11% dei ricavi pubblicitari di Google deriva proprio da Aol. E anche per questo motivo sottrarre Aol da Google, anche solo a livello di introiti pubblicitari, sarebbe un ottimo colpo per Microsoft.

Tutte queste notizie di alleanze e acquisizioni ( ricordiamo che Ebay ha comprato recentemente Skype e che non passa quasi giorno che Google, Microsoft e Yahoo annuncino l'acquisto di qualche piccola/media società informatica )  sono state già ribattezzate dagli americani come la seconda fase della crescita di Internet, definita Web 2.0

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



pubblicato il