BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Tablet Apple: novità e caratteristiche trapelate: sarà pensato per i ragazzi e la famiglia

Manca poco alla tanto attesa presentazione ufficiale dell’innovativo Tablet Pc di Apple. Le novità



Manca poco alla tanto attesa presentazione ufficiale dell’innovativo Tablet Pc di Apple, in scena il prossimo 26 gennaio all’evento che la Casa della Mela sta organizzando per lanciare tutte le sue ultime novità. Caratteristiche che è emersa nelle ultime ore è che questo nuovo prodotto sarà un dispositivo da  usare a scuola e condividere in famiglia che, ad  esempio potrà controllare le e-mail o leggere l’edizione digitale di un quotidiano.

Dotato di schermo da dieci pollici e di una tastiera virtuale simile a quella dell'iPhone, il Tablet di Apple, che dovrebbe essere battezzato con il nome di iSlate, dovrebbe integrare anche una telecamera e un software capace di riconoscere la persona che sta usando l’apparecchio e configurarne automaticamente le sue scelte.

Per quanto riguarda i contenuti, si parla di  contatti tra Apple e alcuni giornali e periodici come il New York Times, Conde Nast Publications e News Corp che cureranno i contenuti dell’iTablet. Ma si vocifera anche di trattative con network televisivi, quali Cbs e Walt Disney, per un abbonamento mensile alla tv via iTablet. Tra i contatti spicca anche Electronic Arts, uno tra i maggiori produttori mondiali di videogames.

Apple sta ancora lavorando perché il suo sistema possa superare il Kindle in quanto a tecnologia, puntando ad una maggiore interattività e ad una modalità di presentazione dei dati più avanzata. Inoltre, Apple starebbe negoziando l’utilizzo sul tablet di determinati servizi Microsoft, come Bing e le mappe stradali, nonostante con iPhone l’azienda della mela avesse dato ampio spazio ai web service di casa Google.

Il tablet offrirà anche la possibilità di visualizzare contenuti video premium come show televisivi e programmi di altro genere del tipo ‘il meglio di’: il tutto ovviamente previa sottoscrizione di un contratto a pagamento magari utilizzando lo stesso sistema di iTunes.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il