BusinessOnline - Il portale per i decision maker








iTablet, iSlate, iPad: oggi è il giorno del tablet di Apple. Le caratteristiche trapelate

Tutto pronto per il debutto del nuovo iSlate di Apple.



Oggi il grande giorno: Steve Jobbs è lieto di annunciare l’arrivo dell’iSlate di Apple e il pubblico non vede l’ora di scoprire ufficialmente la novità della casa della Mela che in queste ultime settimane si è resa protagonista del mondo della nuova tecnologia.

Nelle ultime ore, le voci più interessanti provengono da Flurry, società specializzata nella misurazione del traffico generato dalle App, un servizio destinato ai programmatori, che ha rilevato 50 tablet in fase di testing presso il campus di Cupertino.

Peter Farago, vicepresidente della divisione Marketing di Flurry, ha detto che i tablet girano su iPhone OS 3.2, sistema operativo non ancora rilasciato da Apple, e che l’utilizzo prevalente durante la fase di testing ha riguardato giochi e ebook, e aggiunge, inoltre, che il tablet è in grado di collegarsi su App Store per scaricare programmi e giochi che già girano su iPhone e iPod Touch.

Emerge anche che sui tablet sono stati scaricate da App Store e installate circa 200 applicazioni. Secondo alcune indiscrezioni, il nuovo iTablet di Apple integrerà anche una videocamera che potrà essere sfruttata per effettuare videochiamate e ciò significa che sarà necessario dotare il device del supporto al broadband e, quindi, è possibile che il tablet avrà un chip 3G e una connessione Wi-Fi.

Inoltre, iSlate dovrebbe essere equipaggiato con un display da 10 pollici, una tastiera virtuale di tipo QWERTY e dovrebbe vantare una tecnologia sviluppata per rendere ottimale la visualizzazione di contenuti 3D. Sempre secondo indiscrezioni, il tablet di Apple costerà 999 dollari, 499 con l'abbonamento a Verizon, l'operatore di telefonia americano non compatibile con le reti europee. Per questo motivo il tablet uscirà negli Usa a marzo e in Europa solo a luglio, con una seconda versione dotata di connettività Umts/3G.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il