BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Trovare lavoro e nuovi business per manager e aziende: la federazione ClubIn

Un nuovo modo di incontrarsi e coprire opportunità di lavoro. I professioniti di ClubIn



Incontrarsi per ampliare le opportunità di lavoro. Questa è l’idea che anima tanti manager, professionisti e imprenditori che aderiscono alla Federazione nazionale ClubIn, un social network professionale che raccolgie persone che ai contatti sul web preferiscono l’incontro dal vivo e il classico scambio di biglietti da visita. Obiettivo della Federazione è far incontrare le persone che lavorano, in proprio e non solo, e che hanno progetti, nella convinzione che più si allargano le conoscenze e i contatti, più è facile intercettare opportunità lavorative che non passano solo attraverso i tradizionali canali, come le agenzie o gli annunci di lavoro.

Massimo Brembilla, vicepresidente di ClubIn Italia, nato nel 2005 e che conta 15mila iscritti, ha spiegato come funziona questo moderno sistema di ‘incontri di lavoro’. “Organizziamo eventi che radunano i soci, cene e aperitivi, ma non solo. Di solito, nel format della serata ‘Presenta te stesso’, un professionista si racconta ai soci e illustra il suo curriculum parlando per una mezz’ora.

Poi si espone a domande di ogni tipo, anche personali, da parte degli altri partecipanti. Infine c’è un’altra mezz’ora di ‘libero networking’, in cui i presenti dialogano, socializzano e si scambiano informazioni e biglietti da visita. Lo scopo è mettere sul tavolo idee e orientare un business”. Chi partecipa a questi eventi, di solito, fa parte della middle class.

Si tratta si liberi professionisti, avvocati, medici, commercialisti, consulenti di marketing, imprenditori che desiderano ampliare i loro orizzonti lavorativi o aprirsi a novità occupazionali. E questo sistema sembra funzionare. ClubIn, infatti, da Milano è arrivato anche a Firenze, Cagliari, Liguria e Friuli, Torino e Marche, mentre sono in via di formazione altri sei club in Veneto, a Brescia, Modena, Parma, Napoli e Palermo.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il