BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Toyota e ritiro auto per difetto del pedale acceleratore: in Italia cosa accadrà e modelli

Problemi al pedale dell'acceleratore per Toyota. I richiami negli Usa e in Europa



Problemi strutturali per Toyota, costretta al ritiro di migliaia di vettura per un difetto evidenziato dal pedale dell’acceleratore. Dopo un primo provvedimento del novembre dell'anno scorso e che interessava ben 3.800.000 auto vendute negli Stati Uniti, resa nota la possibilità che il pedale dell'acceleratore rimanesse incastrato sotto il tappetino, lato guida, un secondo richiamo è stato annunciato nei giorni scorsi per altre 2.300.000 vetture con l'obiettivo di accertare perchè il pedale del gas si bloccava in una determinata posizione o faceva fatica a tornare in alto una volta tolta la pressione del piede.

La soluzione sta nell’adozione di una barra di acciaio capace, tra l'altro, di far tornare correttamente il pedale alla sua posizione quando non premuto. Tra i modelli interessati dal provvedimento, ci sono auto fondamentali per il mercato statunitense come la Corolla e la Camry richiamate insieme ad altre, compresa Rav4.

Infine un terzo provvedimento che riguarda altre 1.100.000 unità. Dopo l'annunciata sospensione delle vendite, Toyota ha dichiarato che intende fermare anche la produzione dei veicoli in questione tra l'1 ed il 5 febbraio per prendere le giuste contromisure.

Lo stop interessa cinque fabbriche negli Stati Uniti e il richiamo, inoltre, si sta allargando all'Europa.  Sempre lo stesso il problema: il pedale dell'acceleratore. Toyota Motor Italia ci tiene, però, a precisare che non si tratta di ritiro di vetture, ma di semplice richiamo per la sostituzione di un componente rivalatosi difettoso e di una dimostrazione di ulteriore attenzione alle esigenze del cliente. Anche da parte della rete di vendita non sono segnalate variazioni particolari.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il