BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Aziende e spionaggio informatico online su Internet: migliaia colpite dai cinesi e non solo

Atti di spionaggio nei confronti di migliaia di aziende americane. Il rapporto Mandiant



Non solo Google attaccata dagli hacker. Secondo un rapporto di Mandiant, un'azienda statunitense che opera nel campo della sicurezza informatica forense, sembra, infatti, che le aziende americane sotto attacco informatico da parte di hacker asiatici non siano una o due ma sarebbero migliaia le imprese e le istituzioni nel loromirino, tra queste anche diverse addette alla sicurezza nazionale.

Mandiant ha studiato tutti i più importanti attacchi informatici degli ultimi tempi, tra cui quelli alla Heartland Payment Systems e RBS Worldpay e il report che ha poi compilato ha specificato bene che il tipo di aggressione subita da queste aziende è significativamente diverso rispetto a quelli riservati a Google e ad altre reti negli ultimi periodi. Non si tratta più attacchi basati sull'accesso ai database per ottenere dati sensibili e rubare le identità, sembra che adesso gli attacchi Apt mirino a colpire e impossessarsi di file e documenti tout court, da rubare e da portare fuori.

Un vero e proprio spionaggio che comunque nasce da una strategia precisa dietro l'interesse verso determinati obbiettivi. Mandiant ha, infatti, dichiarato di aver trovato all'interno di una sola rete più intrusi Apt, ognuno intento a trafugare dati per conto suo e per diversi utilizzatori finali.

L'intrusione Apt avviene spesso anche in modo banale, attraverso vulnerabilità degli strumenti di Office, Internet Explorer, Acrobat e i più comuni programmi da ufficio. Nel caso di Google è bastata una email-tranello che utilizzava un buco in Explorer 6, non dichiarato pubblicamente da Microsoft ed ecco scoppiato il caso Cina-Google.

Per non incorrere più in questo genere di problemi, il colosso informatico si sarebbe rivolto alla Nasa, l’agenzia americana per la sicurezza nazionale, al fine di poter ottenere maggiore sicurezza per il suo motore di ricerca e per i clienti che se ne servono.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il