BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Consulenza informatica: intervista a Roberto Masiero di The Innovation Group società atipica IT

Efficienza e innovazione: come lavora la nuova società Innovation Group.



In concomitanza con lo sviluppo e la crescita del settore IT, cresce anche il ruolo della consulenza informatica. E’ in questo ambito che The Innovation Group si presenta come società di consulenza atipica, composta da un team di soli 11 professionisti, fra cui gli ex Idc Roberto Masiero ed Ezio Viola, rispettivamente Managing Director e General Manager, e che si avvale di una rete di partners e di partnership con società di servizi ed istituti di ricerca di caratura internazionale, fra cui vi sono i nomi dell'indiana Evalueserve (Knowledge Services & Process Outsourcing) e delle americane International Institute for Outsource Management e Lux Research (nanotecnologie, biotecnologie, green tech).

Attiva dallo scorso novembre dalla sede di Milano, The Innovation Group (Tig) si propone di aiutare le aziende a ridefinire processi e ad avviare nuovi progetti sfruttando le potenzialità delle nuove tecnologie, dai social network ai servizi di cloud computing, riservando particolare attenzione alle relazioni (customer intimacy) e al binomio innovazione/conoscenza come fattore di produttività da mettere al centro del legame tra business e tecnologie.

Secondo Masiero, efficienza e innovazione (di prodotto, di modelli gestionali e di business, di strategie di sourcing e di marketing) sono gli elementi essenziali per uscire definitivamente dalla crisi e cavalcare la ripresa, così come sostengono tutti gli analisti, tutti i consulenti It delle Accenture della situazione. Ecco perchè The Innovation Group punta a migliorare oltre a competenze e metodologie anche le tecnologie digitali per essere portatori evoluti di agilità, velocità e flessibilità.

Masiero spiega: “Scarnificare le strutture dei costi è per le aziende un imperativo, soprattutto per quelle di servizi e di consulenza, i cui business model sono fra i più deboli in assoluto. E quindi serve cambiare approccio, fermo restando l'obiettivo di contribuire al processo di innovazione delle aziende”. Sulle previsioni per il futuro: “Lo sviluppo delle infrastrutture digitali è una condizione necessaria affinché la domanda di tecnologie possa riprendere a correre. L'Italia denuncia certamente carenze di visione infrastrutturale ma può anche contare su aziende innovatrici che hanno già guardato avanti”.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il