Pagamenti con il cellulare e micropagamenti al via il 1 marzo in Italia

Al via dal prossimo primo marzo i micropagamenti: novità e vantaggi



Al via dal prossimo primo marzo i micropagamenti, che daranno la possibilità di accedere a un più vasto sistema di pagamenti elettronici per gli importi di piccola entità e anche un’accelerazione dei bonifici bancari. La nuova operazione coinvolgerà piccole catene di negozi e grandi entità della vendita.

Questo sistema dimostra, come nel caso Pirelli, che le grandi aziende finalmente anche in Italia iniziano a muoversi per vendere direttamente online i loro prodotti, cercando di unire i concessionari tradizionali (quindi il territori) con le potenzialità del web. Ciò che potrebbe costituire un problema potrebbero essere i conflitti di canale. Si potranno così pagare le bollette al supermercato e ci si potrà servire anche di nuovi sistemi di pagamento, come ad esempio il cellulare.

Se, infatti, nel 2009 il valore delle transazioni via cellulare è stato di alcune decine di milioni di euro, le stime parlano di un utilizzo entro i prossimi 2-3 anni dei servizi di pagamento mobili che interesserà, anche grazie alla maggiore diffusione dei telefonini di ultima generazione, circa un quarto degli italiani. Ma le novità non finiscono qui perché le nuove norme prevedono anche una serie di sistemi di tutela e di attenuazione della responsabilità per consumatori finali e microimprese.

Agli utenti, infatti, saranno rimborsati gli importi pagati in caso di utilizzo non autorizzati del mezzo elettronico di pagamento e saranno, inoltre, gli obblighi delle parti per quanto riguarda i pagamenti per importi inferiori ai 30 euro per singole operazioni e 150 euro come limite complessivo di spesa.

Ti è piaciuto questo articolo?






Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Marianna Quatraro Fonte: pubblicato il