BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Consumare meno elettricità eliminando stand-by per legge: si risparmiano 45 euro sulla bolletta

Spegnere le lucine rosse degli elettrodomestici e risparmiare sulla bolletta della luce. Come fare



Le famiglie italiane consumano ogni anno inutilmente energia elettrica a causa dello stand by di decoder e altri elettrodomestici non utilizzati in quanto in stato d’attesa. Tenendo, invece, le classiche lucine rosse del tutto spente, si potrebbero tagliare in maniera non indifferente i consumi ed arrivare a risparmiare in bolletta, mediamente, fino a quasi 50 euro all’anno.

Per questo motivo, l’Autorità per l’Energia elettrica ed il gas, in concomitanza con ‘M’illumino di meno’, la giornata del risparmio energetico, ha lanciato un’iniziativa finalizzata a ridurre gli sprechi di energia elettrica e ha annunciato l’intenzione di voler incentivare la diffusione tra le famiglie dei taglia stand-by, dei dispositivi finalizzati a spegnere la lucetta rossa quando i televisori, i decoder e gli altri elettrodomestici non vengono utilizzati.

Basti pensare che elettrodomestico in stand-by spreca non poca energia: da una decina di Watt a meno di un Watt a seconda del tipo di apparecchio, del suo livello tecnologico e del tempo in cui l’apparecchio resta in attesa, calcolando che è molto di più quello in cui non si utilizza l’elettrodomestico che quella che risulta acceso.

Non deve, quindi, stupire che imponendo alle case costruttrici di fabbricare apparecchi che si spengano davvero consentirà un risparmio del 10% sulla media dei consumi energetici della famiglia italiana tipo. Il che equivale a dire che si pagheranno 45 euro in meno sulla bolletta elettrica.

Tutte le indicazioni sulle nuove modalità di funzioni dei led sono riportate nella delibera EEN 2/10 con cui l’Autorità per l’energia elettrica e il gas ha inserito l’installazione dei dispositivi taglia stand by nell’elenco delle tipologie di interventi di efficienza energetica incentivabili mediante il meccanismo dei titoli di efficienza energetica (o certificati bianchi).

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il