BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Esportazioni e investimenti all'estero: quali sono le nazioni migliori e più sicure?

La mappa Sace dei migliori Paesi del mondo in cui investire



Export oltre frontiera: sarebbe bene incrementare questo tipo business, ma sempre facendo attenzione a rischi e affidabilità dei Paesi cui ci si rivolge. Proprio per questo ogni anno viene resa nota la mappa dei rischi, elaborata da Sace (società assicurativo-finanziaria del Ministero dell’Economia che assicura dai rischi di natura politica e commerciale le imprese che esportano o investono all’estero), che si propone di illustrare graficamente la diversa articolazione dei livelli di rischio assegnati a ciascun Paese del mondo.

La mappa esamina quattro fattori di rischio, che sono politici, economici, finanziari, operativi, insieme al rischio di credito espresso dalla categoria Ocse. Secondo gli esperti di Sace, in Europa, il fronte del rischio rimane a Est: i Paesi dell’ex Urss, per instabilità politica e debolezza finanziaria, sono zone a rischio per gli imprenditori italiani. Ucraina, Estonia e Bielorussia rappresentano i Paesi più caldi del continente.

Declassate anche nazioni molto strategiche per l’industria italiana come Ungheria e, soprattutto, Romania. Quest’ultima è la nostra area leader nei Balcani, basti pensare a Timisoara. Va male la Grecia, affondata dal suo debito pubblico, l’Irlanda, travolta dalla bolla immobiliare, e l’Islanda, anch’essa in forte crisi. Ora, consigliano gli esperti, bisogna puntare sull’Asia.

Alessandro Castellano, amministratore delegato di Sace, spiega: “ Se Cina e India restano le due super potenze, la vera scommessa per chi vuole sperimentare nuovi mercati è quella di riscoprire i paesi che sono tornati a correre. Con la particolare eccellenza dell’Indonesia: risolto il problema dell'instabilità politica, corre a doppia cifra”. 

Secondo Sace, bene anche per il Sudamerica con la prima posizione conquistata dal Brasile di Lula (lo stanno scoprendo le nostre aziende di meccanica e di componenti legate alla produzione di energia).

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il