BusinessOnline - Il portale per i decision maker

Sicurezza informatica: le aziende italiane sono a rischio. Pericoli e rimedi nel 2017

Secondo il Rapporto Italia Eurispes 2017 soltanto il diciannove per cento delle aziende italiane, meno di una su cinque, ha maturato la necessaria visione di lungo periodo sulla sicurezza informatica

Sicurezza informatica: le aziende italia

Aziende italiane e pericolo sicurezza informatica 2017. Rischi e rimedi per proteggersi dagli attacchi



Sulla sicurezza informatica l’Italia deve ancora lavorare, e molto. I rischi sono molteplici e per le aziende potrebbero essere anche fatali. Secondo il Rapporto Italia Eurispes 2017 soltanto il diciannove per cento delle aziende, meno di una su cinque, ha maturato una visione di lungo periodo sulla sicurezza, piani concreti con approcci tecnologici e ruoli organizzativi definiti, e gli attacchi informatici costano circa nove miliardi di euro l’anno solo in Italia.

Nel sessantasei per cento dei casi, la presenza di un attacco viene scoperta soltanto dopo mesi, a cose ormai avvenute e nel trenta per cento è segnalato da dipendenti, forze dell’ordine ed esperti. Impossibile difendersi dagli attacchi informatici? No, ma il classico antivirus non è più sufficiente.

Sicurezza informatica aziende italiane a rischio

Nell’ultimo anno, in Italia, quasi un attacco su tre è andato a buon fine, causando un’effettiva violazione della sicurezza informatica per le aziende italiane. Che si scoprono vulnerabili ed esposte a rischi che possono addirittura avere conseguenze anche letali per il futuro. Submelius, ad esempio è il virus malevolo che ha più colpito nelle ultime settimane gli italiani, viaggia sui siti da cui si scaricano film illegalmente, minacciando quasi il 32% degli utenti.

Veicolato principalmente attraverso il browser Google Chrome, Submelius colpisce specialmente siti famosi per la visione di film online e rappresenta un rischio per la sicurezza dei dati presenti nel vostro computer. Il meccanismo di diffusione è questo: l'utente visualizza sul browser le classiche finestre con l'annuncio “è stato rilevato un virus” oppure “guadagna soldi lavorando da casa”. In seguito viene reindirizzato ad un altro sito che chiede di passare ad un altro indirizzo, finché l'utente non clicca su accetta, indirizzando così il browser verso il download di un'estensione dallo store di Google Chrome.

Pericoli sicurezza informatica

I pericoli per la sicurezza informatica si nascondono negli anfratti più reconditi della Rete. Per questo motivo bisogna stare attenti a come si naviga. Ai siti che si frequentano. Il rischio per la sicurezza dei dati è sempre dietro l’angolo. E per quanto riguarda le aziende, la sicurezza dei dati è una vera e propria priorità. Per scongiurare questi rischi la soluzione migliore è sempre quella di rivolgersi, per esempio a Partner Data, un’azienda leader nella sicurezza informatica che ha tutte le armi per allestire un sistema di difesa efficace ed efficiente.

L’Italia si colloca all’undicesimo posto della classifica con aziende dalle buone performance nel ventinove per cento degli ambiti analizzati. Le aree di maggiore sofferenza risiedono nell’identificazione dei processi di business e degli asset più importanti da proteggere. I pericoli per la sicurezza informatica riguardano in misura maggiore le aziende che operano nel campo della comunicazione, quelle che seguono gli istituti bancari e le società a elevato contenuto tecnologico.

Sicurezza informatica rimedi 2017

Prevenire le minacce non è semplice, se si calcola che ogni mese vengono riconosciuti circa dodici milioni di varianti di malware nuove. Per la sicurezza informatica nel 2017 bisogna prestare attenzione anche alla diffusione del cloud. Il numero delle imprese che fa affidamento sulla celebre nuvolette è in costante ascesa, sia che si tratti di cloud privato sia che si tratti di cloud pubblico, e con la diffusione di file crittografati da un cloud a un altro tali attacchi potrebbero diventare ancora più numerosi, senza dimenticare i rischi connessi all’uso del cloud in quanto moltiplicatore di volume.

Ti è piaciuto questo articolo?










Commenta la notizia
di Luigi Mannini pubblicato il