5x1000 per bambini. A chi si può dare, a quali associazioni ed enti. Elenco 2020 aggiornato

Come e a chi destinare il 5x1000 per bambini: come fare ed elenco aggiornato 2020 tra cui scegliere. Informazioni e chiarimenti

5x1000 per bambini. A chi si può dare, a

Come si può dare il 5x1000 per bambini?

Per destinare il 5x1000 per bambini basta consultare l’elenco 2020 aggiornato di associazioni ed enti a cui destinare la relativa quota dovuta in dichiarazione dei redditi, sia con Modello 730 sia con Modello Unico Persone Fisiche, scegliendo tra associazioni di volontariato e Onlus, apponendo la propria firma per il “’Sostegno delle associazioni non lucrative di utilità sociale’ e inserendo il codice fiscale relativo ad associazione o ente prescelto nell’apposito spazio.

Il 5x1000 è una parte dell’imposta Irpef versata dai cittadini a cui lo Stato rinuncia per destinarla ad associazioni ed enti senza fini di lucro, destinazione che per il contribuente non comporta costi in più perché si tratta comunque di una quota di imposta che comunque i contribuenti versano ma a cui lo Stato rinuncia.

E’ lo stesso contribuente a scegliere a chi destinare il suo 5x100 e la scelta si può effettuare scegliendo il beneficiario da un apposito elenco messo a disposizione dall’Agenzia delle Entrate e Ministeri competenti. Vediamo qual è l’elenco 2020 aggiornato dei beneficiari del 5x1000 per bambini.

  • 5x1000 per bambini elenco 2020 aggiornato
  • Come destinare 5x1000 per bambini


5x1000 per bambini elenco 2020 aggiornato

Per destinare il proprio 5x1000 ad associazioni ed enti per bambini basta, come detto, accedere al sito dell’Agenzia delle Entrate e consultare l’elenco 2020 aggiornato dei beneficiari. I principali sono:

  • L'albero della Vita, che si occupa di promuovere azioni finalizzate ad assicurare benessere, proteggere e promuovere i diritti, favorire lo sviluppo dei bambini, delle loro famiglie e delle comunità di appartenenza;
  • Save the children;
  • Specchio dei Tempi, che si occupa di iniziative di carattere sociale per sostenere e aiutare chi soffre, bambini malati ma anche famiglie povere, anziani soli, paesi del Terzo Mondo e popolazioni colpite da calamità naturali;
  • Fondazione ABIO Italia, che sostiene oltre 60 Associazioni locali presenti in più di 200 pediatrie e 5.000 volontari che ogni giorno sono accanto ai bambini, agli adolescenti, alle famiglie che affrontano in ospedale malattia e paura;
  • Lega del Filo d’oro, per assistenza, educazione e riabilitazione di bambini, ragazzi e adulti sordociechi e pluriminorati psicosensoriali, realtà unica in Italia che offre a ogni utente un programma riabilitativo personalizzato e gli strumenti più adeguati per comunicare con gli altri, stabilire relazioni affettive e vivere, quanto più possibile, una vita dignitosa e in maniera autonoma;
  • Telefono Azzurro, per prevenire abusi e violenze sui più piccoli;
  • Ospedale pediatrico Bambin Gesù di Roma;
  • Fondazione Francesca Rava- NPH Italia Onlus che realizza progetti di aiuto per l'infanzia e l'adolescenza in condizioni di disagio in Italia e nel mondo;
  • Fondazione Ospedale infantile Regina Margherita;
  • Policlinico Gaslini di Genova, per cura e ricerche per bambini;
  • Fondazione Città della Speranza, per sostenere le attività per il benessere dei bambini.

Come destinare 5x1000 per bambini

Il contribuente può decidere la destinazione del suo 5x1000 o solo scegliendo solo il settore di interesse sociale, come il volontariato, inserendo il codice fiscale dell’associazione o dell’ente. La scelta si deve fare in dichiarazione dei redditi, sia con Modello 730 sia con Modello Unico Persone Fisiche, scegliendo tra associazioni di volontariato, enti e Onlus, apponendo la propria firma per il ‘Sostegno delle associazioni non lucrative di utilità sociale’ e inserendo il codice fiscale relativo all’associazione o all’ente scelto nell’apposito campo.

Se si sceglie solo il settore di interesse sociale bisogna apporre la propria firma in corrispondenza di una delle 6 caselle presenti nel modello della dichiarazione dei redditi (Modello Unico, CU, 730), che a loro volta corrispondono alle diverse finalità di destinazione.

Se in dichiarazione dei redditi non viene indicata alcuna destinazione del proprio 5 per mille, allora la quota di imposta destinata a tale scopo resterà allo Stato.

In precedenti articoli abbiamo trattato come e a chi destinare il cinque per mille per ricerca sanitaria e per animali.

Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il
Ultime Notizie