A chi si può intestare una polizza vita nel 2021? Esistono dei limiti per legge o non ce ne sono

Le polizze di assicurazione sulla vita offrono generalmente due tipi di pagamenti all'assicurato o ai suoi beneficiari.

A chi si può intestare una polizza vita

Polizza vita, a chi si può intestare nel 2021?

Per definizione, il beneficiario della polizza vita non può essere il contraente perché il pagamento dell'importo è condizionato alla sua morte. Di conseguenza occorre individuare un beneficiario che può essere un familiare, una persona senza alcune legame di sangue o anche un'altra entità.

La polizza vita è l'assicurazione che tutela l'assicurato nel caso dell'evento infausto della morte. Parliamo di assicurato ovvero del soggetto sul quale viene stipulata la polizza vita perché non necessariamente coincide con il contraente ovvero colui che sottoscrive il contratto, impegnandosi a pagare il premio.

Esiste anche una terza figura che è quella del beneficiario, ad esempio un erede. Se c'è un aspetto che vogliamo adesso approfondire è quello dell'intestazione della polizza vita: ci sono limiti per legge oppure bisogna individuare una persona ben precisa. Vediamo quindi:

  • Polizza vita, a chi si può intestare nel 2021
  • Pagamento della polizza vita, come avviene

Polizza vita, a chi si può intestare nel 2021

Le polizze di assicurazione sulla vita offrono generalmente due tipi di pagamenti all'assicurato o ai suoi beneficiari. Se l'assicurato muore durante la durata della polizza, i pagamenti dell'assicurazione sulla vita in genere includono i benefici in caso di morte pagati all'intestatario specificato. Al contrario, se l'assicurato sopravvive alla durata del piano, l'assicuratore corrisponde all'assicurato le prestazioni di scadenza e gli eventuali bonus.

L'importo dei fondi pagabili come indennità in caso di morte o come indennità di scadenza è generalmente specificato in anticipo, quindi l'assicurato è a conoscenza dell'importo minimo che può ricevere in un secondo momento. Tuttavia, molti assicurati rimangono all'oscuro del processo necessario per presentare un reclamo e ottenere i pagamenti dell'assicurazione sulla vita quando arriva il momento.

Nel caso in cui non ci siano controversie o inadempienze relative alla richiesta di risarcimento, il processo è generalmente fluido e senza problemi. Per sinistri semplici che non violano alcun termine o clausola, gli assicuratori tendono a saldare i pagamenti rapidamente.

Per definizione, il beneficiario della polizza vita non può essere il contraente perché il pagamento dell'importo è condizionato alla sua morte. Di conseguenza occorre individuare un beneficiario che può essere un familiare, una persona senza alcune legame di sangue o anche un'altra entità.

Il contraente può fare figurare come assicurato un'altra persona e anche indicare una terza figura diversa dal contraente e dall'assicurato. In ogni caso è opportuno che il beneficiario sia informato della presenza della polizza, così da poter affrontare l'eventualità imprevista. In sintesi:

  • il contraente è tenuto al pagamento del premio all'impresa assicuratrice
  • il beneficiario riceve dall’impresa assicuratrice la rendita o il capitale assicurati
  • l'assicurato determina il verificarsi dell'evento che fa scattare il pagamento della prestazione

Pagamento della polizza vita, come avviene

Disposizioni alla mano, la polizza vita è un contratto di assicurazione stipulato tra una persona fisica o giuridica e una compagnia di assicurazione. Dietro il pagamento di un premio ed entro i limiti stabiliti dalla parte, la compagnia si obbliga a pagare un capitale o una rendita a un beneficiario nel caso della morte dell'assicurato. La somma assicurata a titolo di indennità di decesso o di scadenza con la polizza vita viene corrisposta al contraente o al suo beneficiario in un'unica soluzione.

Questa indennità di assicurazione sulla vita di somma forfettaria può includere anche aggiunte di fedeltà e bonus, se presenti. I pagamenti singoli assicurano che l'assicurato o il suo intestatario riceva una notevole somma di denaro in una transazione, in modo che possa scegliere di investirlo in altri strumenti o utilizzarlo per sostenere spese considerevoli.

In alcuni casi, gli assicuratori possono anche offrire l'opzione di pagamenti periodici dell'assicurazione sulla vita. Qui, una parte delle prestazioni viene corrisposta sotto forma di importo forfettario, mentre il resto delle prestazioni può essere convertito in rendite o rate, che vengono pagate dall'assicuratore nel corso di un periodo predeterminato.

Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il