I 3 motivi per cui cambieranno gli stipendi a tutti gli italiani nel 2022

Vi sono almeno 3 motivi e cause ( e riforma fiscale non è la sola) per cui nel 2022 a tutti gli italiani cambieranno gli stipendi nel 2022

I 3 motivi per cui cambieranno gli stipe

A chi verrà modificato lo stipendio nel 2022 e di quanto in base a CCNL e riforma fiscale?

Stando a quanto previsto, nel 2022 saranno modificati gli stipendi sia di lavoratori dipendenti, pubblici e privati, e sia di lavoratori autonomi per effetto di operazioni che riguardano diversi aspetti. Cambiano, infatti, gli stipendi nel 2022 per rinnovi contrattuali e relativi aumenti stabiliti in base ai diversi Ccnl, scatti di anzianità e promozioni in base a inquadramenti nei diversi Ccnl, revisione delle aliquote Irpef.

Si preparano a cambiare gli stipendi dei lavoratori dipendenti, e non, a partire da questo nuovo 2022 per effetto di diversi cambiamenti a livello contrattuale, economico e fiscale, che incidono sul calcolo dell'importo degli stipendi mensili. Vediamo allora a chi verrà modificato lo stipendio nel 2022 e di quanto in base a Ccnl e riforma fiscale.

  • Modifica stipendio 2022 in base a Ccnl come funziona
  • Aumenti stipendi con scatti di anzianità e premi secondo Ccnl
  • Modifica stipendio nel 2022 per riforma fiscale


Stipendio nel 2022 a chi verrà modificato

Stando a quanto previsto, nel 2022 saranno modificati gli stipendi sia di lavoratori dipendenti, pubblici e privati, e sia di lavoratori autonomi per effetto di operazioni che riguardano diversi aspetti. Cambiano, infatti, gli stipendi nel 2022 per:

  • rinnovi contrattuali e relativi aumenti stabiliti in base ai diversi Ccnl;
  • scatti di anzianità e promozioni in base a inquadramenti nei diversi Ccnl;
  • revisione delle aliquote Irpef.

Modifica stipendio 2022 in base a Ccnl come funziona

Gli stipendi nel 2022 cambiano innanzitutto per i lavoratori dipendenti assunti con specifici Ccnl che sono stati già rinnovati, con relativi aumenti mensili di stipendio, o in attesa di rinnovo, a partire dal Ccnl contratto nazionale di lavoro Ccnl metalmeccanici, tra i contratti già rinnovati e che prevede aumenti di stipendio, minimi tabellari, benefit e novità per inquadramento professionale, orari di lavoro, previdenza integrativa. Il rinnovo del contratto metalmeccanici prevede, in particolare, un aumento medio di 80 euro. 

Altro Ccnl rinnovato che prevede aumenti degli stipendi per lavoratori dipendenti è quello della pubblica amministrazione degli enti statali. In particolare, secondo quanto recentemente approvato, i lavoratori dipendenti statali nel 2022 subiranno una modifica degli stipendi con un aumento medio salariale di 117 euro lordi per la fascia degli assistenti amministrativi (ex area B3), che, al netto, si traduce in un aumento di 90 euro al mese. 

In generale possiamo dire che l’aumento degli stipendi lordi 2022 per dipendenti pubblici sarà il seguente;

  • per i funzionari 2.250 euro lordi annui;
  • per gli assistenti 1.250 euro lordi annui;
  • per gli operatori 800 euro lordi annui.

In base poi all’ente di appartenenza e al livello di inquadramento, gli aumenti medi 2022 di stipendi per dipendenti pubblici saranno i seguenti:

  • di 63 euro lordi mensili (prima fascia area F1) per Ministeri, enti pubblici non economici, agenzie fiscali e CNEL,
  • di 117 euro lordi mensili per un Ispettore generali per Ministeri, enti pubblici non economici, agenzie fiscali.

Rinnovi di contratti che prevedono modifiche degli stipendi nel 2022 per i lavoratori sono previsti anche per dipendenti con: 

  • Ccnl commercio;
  • Ccnl agricolo;
  • Contratto della scuola; 
  • Ccnl dei servizi ambientali (sia per le aziende municipalizzate e sia per le aziende private);
  • Ccnl Farmacie private;
  • contratto per i dipendenti dalle agenzie marittime raccomandatarie e mediatori marittimi;
  • Ccnl calzaturiero;
  • Ccnl per i dipendenti degli istituti operanti nelle aree del sociale, socio-sanitario-assistenziale-educativo, per attività educative, di assistenza e beneficenza, di culto o religione dipendenti dall'autorità ecclesiastica;
  • Ccnl alberghiero per dirigenti.


Aumenti stipendi con scatti di anzianità e premi secondo Ccnl

Gli aumenti previsti dai rinnovi contrattuali già attuati o in via di attuazione, sia per il contratto statali che per ogni altro Ccnl in vigore, non sono gli unici cambiamenti che modificano gli stipendi dei lavoratori 2022. 

Agli aumenti salariali in programma bisogna, infatti, aggiungere gli aumenti degli stipendi previsti per gli scatti di anzianità, che rappresentano una sorta di ‘premio’ per tutti i lavoratori che prestano servizio in maniera continuativa all’interno della stessa azienda, impresa, ente o presso lo stesso datore di lavoro, dopo specifici anni di lavoro.

Si tratta di importi che variano a seconda del Ccnl contratto di assunzione e a seconda del livello di inquadramento professionale dello stesso Ccnl.

Ogni contratto nazionale di lavoro Ccnl prevede tempi differenti per gli scatti di anzianità che, generalmente, avvengono ogni due o tre anni e ad ogni scatto corrisponde un aumento di stipendio di solito di qualche decina di euro.

Agli aumenti per gli scatti di anzianità bisogna poi ancora aggiungere ulteriori importi che possono modificare gli stipendi come quelli di eventuali indennità riconosciute o premi previsti per i singoli lavoratori, e nel caso dei premi, variabili a seconda del risultato raggiunto per l’azienda.

Modifica stipendio nel 2022 per riforma fiscale

Altro elemento che contribuisce nel 2022 a modificare gli stipendi e tanto per lavoratori dipendenti quanto per lavoratori autonomi è la riforma fiscale che rivede le aliquote Irpef. Cambia, infatti, da quest’anno 2022 il sistema del prelievo fiscale e le aliquote di pagamento Irpef passano da cinque a quattro e sono del: 

  • 23% per i redditi fino a 15.000 euro (per cui resta anche il bonus Renzi da 100 euro); 
  • 25% per i redditi tra 15.000 e 28.000 euro;
  • 35% tra 28.000 e 50.000 euro; 
  • 43% oltre i 50.000 euro.





Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il