A quanto corrisponde Isee da 20mila-25mila euro e quali bonus si hanno

Come calcolare un Isee da 20mila-25mila euro per singoli e famiglie e bonus e aiuti accessibili: cosa prevedono norme in vigore e

A quanto corrisponde Isee da 20mila-25mi

A quanto corrisponde Isee da 20mila-25mila euro?

Non è possibile dire con certezza a quanto corrisponde un Isee da 20mila-25mila euro perchè il valore Isee è determinato da una serie di elementi e fattori che possono variare e anche di molto a seconda che il calcolo sia riferito ad una singola o ad un nucleo familiare e relativa composizione. 
 

A quanto corrisponde Isee da 20mila-25mila euro? Il valore Isee, Indicatore della situazione economica equivalente, misura la ricchezza delle famiglie italiane considerando tutti i relativi patrimoni e redditi e serve per inquadrare in diverse fasce le stesse famiglie o singole persone che lo richiedono per l’accesso a bonus, aiuti e altre prestazioni agevolate.

  • Isee da 20mila- 25mila euro a quanto corrisponde
  • Bonus che si possono avere con Isee da 20mila- 25mila euro


Isee da 20mila- 25mila euro a quanto corrisponde

Sapere a quanto corrisponde un Isee da 20mila- 25mila euro non è semplice perché dipende da diverse variabili. Il valore Isee dipende, infatti, da diversi elementi che sono, per esempio, composizione del nucleo familiare, redditi derivanti da lavoro o altri redditi, situazione bancaria tra saldi e giacenze, ecc.

Ciò detto, un Isee da 20mila-25mila euro può essere alto per una singola persona o medio per una famiglia, o altro per un'altra tipologia ancora di famiglia. Il calcolo dell’Isee dipende in particolare da:

  • composizione del nucleo familiare del dichiarante e il numero dei componenti del nucleo familiare corrispondono un determinato parametro della scala di equivalenza ed eventuali maggiorazioni;
  • somma de redditi dei componenti de nucleo familiare + reddito figurativo del patrimonio mobiliare del nucleo- detrazioni per spese e franchigie del nucleo= Indicatore della Situazione Reddituale (ISR);
  • patrimonio mobiliare del nucleo- detrazioni patrimonio mobiliare+ patrimonio immobiliare del nucleo= Indicatore Situazione Patrimoniale (ISP);
  • Indicatore situazione economica (ISE).

Per fare il calcolo Isee bisogna prima effettuare il rapporto tra la somma dei redditi di coloro che fanno parte dello stesso nucleo familiare, eventuali patrimoni mobiliari e immobiliari e relativi indicatori della scala di equivalenza in base al numero dei componenti del nucleo familiare. 

I parametri della scala di equivalenza da considerare per l’Isee sono:

  • 1 per 1 componente;
  • 1,57 per 2 componenti;
  • 2,04 per 3 componenti;
  • 2,46 per 4 componenti;
  • 2,85 per 5 componenti.

E’ prevista poi una maggiorazione di 0,35 per ogni componente in più oltre il quinto per nuclei familiari composti da 6 o più persone; se, invece, nel nucleo familiare c’è un componente con disabilità media, grave o non autosufficiente è prevista una maggiorazione del + 0,5; e ulteriori maggiorazioni sono previste per famiglie numerose. 

Bonus che si possono avere con Isee da 20mila- 25mila euro

Come accennato, ogni fascia di reddito Isee permette di accedere a diversi bonus e agevolazioni. Chi ha un Isee da 20mila- 25mila euro può usufruire di:

  • riduzioni delle tasse universitarie (prevista totale esenzione solo per studenti con un Isee fino a 13.000 euro);
  • mutui agevolati per l’acquisto di una prima casa se giovani under 36 (la misura vale per Isee inferiore ai 40mila euro), che possono chiedere un mutuo accedendo al Fondo di Garanzia per la prima casa con garanzia dello Stato ed esenzione dal pagamento delle imposte sulla prima casa, come imposte di registro e catastali, imposte dell’Iva corrisposta per l’acquisto, imposta sostitutiva su bollo e ipoteche;
  • bonus abbonamenti a riviste e giornali, valido per chi già beneficia del bonus Pc e che prevede un contributo aggiuntivo di massimo 100 euro per l’acquisto di abbonamenti a quotidiani, riviste o periodici anche digitali;
  • bonus asilo nido, contributo erogato alle famiglie per il pagamento di rette per la frequenza di asili nido pubblici e privati autorizzati e di forme di assistenza domiciliare in favore di bambini con meno di tre anni affetti da gravi patologie croniche del valore di 3.000 euro l’anno per famiglie che hanno un Isee fino a 25 mila euro (che diventano 2.500 euro l’anno per famiglie che hanno un Isee compreso tra 25 mila e 40 mila euro e 1.500 euro l’anno per famiglie che hanno un Isee superiore a 40 mila euro e per famiglie che non presentano un Isee minorenni valido);
  • assegno unico figli 2022, il cui importo varia in base al valore Isee.

Il bonus asilo nido è l'unica misura per figli rimasta da quest'anno in maniera unica, considerando che tutte le altre misure e aiuti per i figli sono stati inglobai nel nuovo assegno unico. Come la maggior parte dei bonus, anche l'importo dell'assegno unico per figli varia in base al valore Isee della famiglia ed è, in particolare, in misura di 175 euro per figli minorenni con Isee fino a 15mila euro e se l’Isee è più alto, l’assegno si riduce progressivamente fino a 50 euro, e 85 euro per i figli maggiorenni fino ai 21 anni di età, con Isee fino a 15mila euro e con riduzione graduale con un Isee superiore, fino a 25 euro.

Sono, inoltre, previste maggiorazioni dell’importo dell’assegno unico per figli nei seguenti casi:

  • per ogni figlio successivo al secondo;
  • per mamme di età inferiore ai 21 anni;
  • per figli non autosufficienti, con disabilità grave e media (anche se di età superiore ai 21 anni);
  • per genitori entrambi titolari di reddito da lavoro;
  • per nuclei familiari con Isee non superiore a 25mila euro.





Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il