Affitto casa con riscatto, un modo di comprare casa senza avere soldi o mutuo subito

L’affitto casa con riscatto conviene per comprare casa se non si hanno soldi: esistono, però, regole e limiti da rispettare. Cosa prevedono norme in vigore

Affitto casa con riscatto, un modo di co

Affittare casa con riscatto può essere un modo per comprare casa se non si hanno soldi?

L’affitto di casa con riscatti può rivelarsi un ottimo sistema per comprare casa senza soldi e senza possibilità di avere un mutuo subito, a condizione di rispettare regole e limiti previsti, a partire dalla regolare registrazione del contratto di affitto, che si fa in un primo momento, all’Agenzia delle Entrate, per arrivare al rispetto dei limiti di tempo previsti dalla legge entro cui far valere l’affitto con riscatto di una casa che è di dieci anni.
 

Affittare casa con riscatto può essere un modo per comprare casa se non si hanno soldi? L’affitto di casa con riscatto si inserisce tra le tipologie di compravendita possibili possibile solo in determinati casi e a condizione di rispettare determinate condizioni.

Generalmente, la formula dell’affitto di casa con riscatto, che permette ad un proprietario di una casa ed eventuale acquirente di raggiungere un accordo per la stipula in un primo momento di un contrato di affitto per la casa scelta per un determinato periodo di tempo e per la compravendita della stessa casa in un secondo momento.

Durante il periodo dell’affitto, l’inquilino versa al proprietario della casa, come previsto dalla legge attuale, l’importo stipulato del canone mensile e la somma totale di canoni di locazione versati nel corso del periodo di affitto viene detratta dall’importo finale richiesto per la vendita vera e propria della casa. Vediamo come fare l’affitto con riscatto per comprare casa senza avere soldi o mutuo subito.

  • Comprare casa senza avere soldi e mutuo subito con formula affitto con riscatto
  • Affitto con riscatto per comprare casa senza soldi regole e limiti


Comprare casa senza avere soldi e mutuo subito con formula affitto con riscatto

Se si desidera acquistare casa e si riesce a trovare la casa dei sogni ma non si hanno soldi per l’acquisto diretto della casa né si ha la possibilità di avere un mutuo in tempi relativamente stretti, la soluzione potrebbe essere o quella di cercare case per cui i proprietari propongono la formula affitto di casa con riscatto, o trovare la casa che si desidera e proporre direttamente al proprietario di optare per questa formula.

Chi sceglie generalmente la formula dell’affitto di casa di riscatto, e chiunque può scegliere tale formula, giovani, persone più adulte, lavoratori dipendenti, autonomi, ecc, è in attesa di mutuo ma con tempi piuttosto incerti e pur di non farsi scappare la casa che piace opta per questo sistema, comunque pagando al proprietario di casa l’importo del canone di locazione pattuito. 

Ciò significa che non si entra nella casa scelta in attesa di mutuo senza pagar nulla, ma durante i mesi di affitto della casa, per cui tra proprietario e inquilino-futuro acquirente viene stipulato un regolare contratto di affitto di casa, regolarmente registrato all’Agenzia delle Entrate come da legge stabilito, bisogna comunque pagare il canone per la locazione che alla fine rappresenta la somma di riscatto per il proprietario al momento della vendita definitiva della casa.

Affitto con riscatto per comprare casa senza soldi regole e limiti

Affittare casa con riscatto come modo di comprare casa senza avere soldi o mutuo subito è una possibilità decisamente vantaggiosa e appetibile per tanti che magari non hanno soldi da parte per comprare casa o non riescono ad avere subito il mutuo ma vogliono avere una casa ma è bene sapere per esistono regole e limiti da rispettare per la sua attuazione.

Innanzitutto, la parte burocratica e fiscale: nell’affitto di casa con riscatto bisogna, come accennato, stipulare un regolare contratto di affitto per il periodo di tempo che la casa deve essere locata, con relativa registrazione da fare all’Agenzia delle Entrate e relativi costi da pagare.

In secondo luogo, nel contratto di locazione che stipulano proprietario di casa e inquilino bisogna riportare il tempo di durata dell’affitto prima della vendita di casa. Generalmente, per l’affitto con riscatto è prevista una durata massima di dieci anni ma sono proprietario e inquilino che decidono.

Se entro il termine stabilito nel contratto di affitto per la successiva vendita della casa, la compravendita non dovesse concludersi e l’inquilino dovesse decidere di non comprare più la casa, le somme versate a titolo di canone di locazione vengono comunque trattenute dal proprietario della casa. 

Inoltre, comprando casa con la formula affitto con riscatto, l’inquilino potrebbe rischiare di pagare un prezzo finale più alto per la casa rispetto a quelli di mercato, perché considerando che il costo della vendita finale viene stabilito al momento della firma del contratto, non si considerano le eventuali svalutazioni che l’immobile potrebbe subire nel tempo.





Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il