Assegni familiari a genitori divorziati 2019-2020 a chi spettano e come funzionano

Chi e come pu˛ fare domanda per avere gli assegni familiari nei casi di genitori divorziati: cosa prevede la legge in merito e casi

Assegni familiari a genitori divorziati 2019-2020 a chi spettano e come funzionano

A chi spettano gli assegni familiari nei casi di genitori divorziati?

Stando alle leggi 2019-2020, nel caso di genitori divorziati gli assegni familiari spettano sempre al coniuge affidatario anche se non ha i requisiti per farne richiesta e vengono richiesti dall’altro coniuge legalmente divorziato. Nei casi di affidamento congiunto nei quali i coniugi non trovino accordo sulla richiesta degli assegni familiari, tocca al giudice prendere la decisione.  

 

Gli assegni familiari per il nucleo familiare (ANF) sono prestazioni economiche che vengono erogate dall'Inps ai nuclei familiari di determinate categorie di persone. Per richiedere gli assegni familiari bisogna essere titolare di reddito da lavoro dipendente o da pensioni e il suo importo dipende dal reddito percepito dal richiedente ed è decrescente in base agli scaglioni di reddito.

Ciò significa che più è alto il reddito, meno alta è l’importo dell’assegno familiare fino al suo azzerarsi una volta superate le soglie di reddito previste in base alla tipologia familiare. Per alcuni nuclei familiari, come quelli con componenti disabili o nuclei monoparentali, sono poi previste maggiorazioni. Cosa succede quando a richiedere gli assegni familiari sono genitori divorziati?

  • Assegni familiari 2019-2020 a genitori divorziati a chi spettano e come funzionano
  • Assegni familiari 2019-2020 a genitori divorziati a chi spettano nei casi di affidamento congiunto
  • Assegni familiari genitori divorziati come fare domanda

Assegni familiari 2019-2020 a genitori divorziati a chi spettano e come funzionano

L’erogazione degli assegni familiari prevede regole particolari nel caso di genitori divorziati, perché in tal caso bisogna innanzitutto stabilire a chi spetta l’assegno per il nucleo familiare, se al padre o alla madre, soprattutto nel caso di affidamento condiviso dei figli.

In caso di divorzio, il giudice può stabilire di affidare i figli ad uno dei genitori e in tal caso, stando a quanto previsto dalle regole attuali Inps, solo il genitore affidatario può presentare domanda per la richiesta dell’assegno familiare, perché il nucleo familiare si forma intorno a quel solo genitore.

Se, però, il genitore affidatario non ha i requisiti per richiedere gli assegni familiari, mentre il coniuge non affidatario ha i requisiti necessari, il coniuge affidatario si appoggia al coniuge non affidatario per la richiesta degli assegni familiari che vengono comunque sempre percepiti dal coniuge affidatario dei figli perché nei casi di genitori divorziati il nucleo familiare è sempre quello costituito dall'affidatario e dai figli affidati e il reddito familiare che si considera è quello riferito al nucleo familiare appena descritto.

Se, però, il coniuge affidatario percepisce gli assegni familiari basandosi sul lavoro dell'ex coniuge non affidatario, se contrae nuove nozze perde il diritto a percepire gli assegni familiari.

Assegni familiari 2019-2020 a genitori divorziati a chi spettano nei casi di affidamento congiunto

Nel caso di genitori divorziati e affidamento congiunto, la possibilità di percepire gli assegni familiari vale per entrambe i coniugi, essendo i figli affidati congiuntamente per cui ognuno dei due genitori con i figli costituisce un nucleo familiare.

In caso di divorzio con affidamento congiunto dei figli, il diritto all’assegno per il nucleo familiare spetta ad entrambi i coniugi affidatari e i coniugi stessi possono accordarsi su quale dei due debba chiedere gli assegni familiari. Se, invece, i coniugi non riescono a raggiungere un accordo la decisione per chi debba chiedere gli assegni familiari, come precisato da una circolare Inps, spetta al giudice che pronuncia la sentenza di divorzio e adotta i provvedimenti per il mantenimento morale e materiale dei figli.

Per la determinazione dell’importo degli assegni familiari, stando a quanto previsto dalle leggi in vigore, il reddito da considerare è quello del nucleo familiare composto dal coniuge affidatario dei figli, con esclusione del coniuge legalmente separato, pur se risultasse il coniuge non affidatario quello con i requisiti adatti alla richiesta dell’assegno familiare.

Assegni familiari genitori divorziati come fare domanda

Per avere gli assegni familiari in ogni caso bisogna presentare la domanda con modello ANF/DIP (SR 16) all'Inps in via telematica e non più in formato cartaceo ai datori di lavoro. Una volta presentata la domanda, l’Inps, in base ai redditi del richiedente, calcola l’importo dell’assegno da erogare.

Per il pagamento degli assegni familiari, i livelli di reddito familiare vengono rivalutati ogni anno, con effetto dal primo luglio di ogni anno, in misura pari alla variazione dell'indice dei prezzi Istat al consumo per le famiglie di operai e impiegati. Calcolato l’importo da erogare, l’assegno familiare viene erogato al richiedente ogni mese in busta paga.

Ti Ŕ piaciuto questo articolo?







Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il
Ultime Notizie