Bonus 110% casa per infissi può valere anche senza intervento trainante circolare Agenzia Entrate

Il bonus al 110% spetta infatti sulle spese sostenute in caso di sostituzione di impianti di climatizzazione invernale sugli edifici unifamiliari o sulle unità immobiliari.

Bonus 110% casa per infissi può valere a

Infissi da rifare, quando vale il bonus 110% casa senza intervento trainante?

Ci sono due casi per cui è consentito rifare gli infissi senza intervento trainante. In caso di immobili sottoposti ad almeno uno dei vincoli previsti dal codice dei beni culturali e del paesaggio. E poi nel caso in cui regolamenti edilizi, urbanistici e ambientali vietino l'intervento trainante.

Se c'è un'informazione da non perdere mai di vista quando si tratta del bonus 110% casa è quello degli interventi che danno effettivamente diritto ad accedere a questa possibilità. Non tutti sono ammessi e su alcuni, come vedremo nel caso degli infissi, vige un trattamento particolare perché si incrocia con altre facilitazioni in vigore.

Cerchiamo di vedere tutti i dettagli, ricordando cosa prevede il regolamento base. Il bonus al 110% spetta infatti sulle spese sostenute in caso di sostituzione di impianti di climatizzazione invernale sugli edifici unifamiliari o sulle unità immobiliari di edifici plurifamiliari funzionalmente indipendenti e di interventi di isolamento termico sugli involucri. 

Ma anche di sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale sulle parti comuni e di interventi antisismici. In questo caso il bonus già previsto dal sismabonus è elevata al 110% per le spese sostenute dal primo luglio 2020 al 31 dicembre 2021. Il governo fa poi una distinzione molto netta tra gli interventi trainanti che abbiamo appena visto e che sono indispensabili per accedere all'agevolazione fiscale e quelli trainati.

Si tratta di quelli che possono essere "scontati" ma solo se associati. Rientrano quindi in questa categoria le spese per interventi eseguiti insieme a almeno uno degli interventi principali di isolamento termico, di sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale: infrastrutture per la ricarica di veicoli elettrici, installazione di impianti solari fotovoltaici, interventi di efficientamento energetico. Non ci resta allora che vedere questo caso particolare e più precisamente

  • Infissi da rifare, quando vale il bonus 110% casa senza intervento trainante
  • Circolare Agenzia entrate su interventi trainanti e trainati

Infissi da rifare, quando vale il bonus 110% casa

L'agevolazione fiscale al 110% può essere fruita come detrazione, compensazione del corrispondente credito, sconto sul corrispettivo e trasformazione in credito e cessione. E soprattutto si basa sulla distinzione tra interventi trainanti e interventi trainati.

Tuttavia il caso del rifacimento degli infissi, che rientrerebbe tra gli interventi trainati, rientra tra quelli particolari. Di base se il contribuente effettua l'intervento è insieme a uno degli interventi trainanti e certifica il miglioramento di almeno due classi energetiche dell'abitazione, anche le finestre comprensive di infissi possiedono le caratteristiche di trasmittanza termica e possono accedere alla facilitazione fiscale.

Ma in caso di intervento su immobili sottoposti ad almeno uno dei vincoli previsti dal codice dei beni culturali e del paesaggio ecco che viene a cadere l'indispensabilità di legare i lavori a un intervento trainante.

Stessa cosa nel caso in cui regolamenti edilizi, urbanistici e ambientali vietino l'intervento trainante.

A quel punto è comunque possibile procedere in autonomia a effettuare i lavori sugli infissi, fruire del bonus al 110% istituito con il decreto Rilancio e attualmente in vigore, non preoccuparsi di legarlo a un intervento trainante nella fase di domanda.

Circolare Agenzia entrate su interventi trainanti e trainati

Gli interventi di efficientamento energetico come sostituzione infissi, sostituzione generatore di calore dell'impianto di climatizzazione autonomo esistente, possono beneficiare del bonus 110% casa solo in due casi. Il primo è in caso di esecuzione di almeno un intervento trainante.

Il secondo è in caso di guadagno di almeno due classi energetiche dell'edificio. Come chiarito dall'Agenzia delle entrate, il miglioramento deve essere dimostrato con la redazione di due appositi attestati di prestazione energetica, prima e dopo l'intervento.

A proposito di lavori trainanti e trainati, una persona fisica può beneficiare del bonus del 110% per lavori trainanti su unità immobiliari autonomamente accatastate non unifamiliari. In base alle condizioni previste dalla norma, l'isolamento termico è agevolato se possedute dalle persone fisiche, al di fuori dell'esercizio di attività di impresa, arti e professioni.

Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il